Developed in conjunction with Joomla extensions.

Ci Penso Io...!

COLABORAMOS

SITIOS AMIGOS

NOS APOYAN

Counter

Today65
Month2893
All102759

Eventi

April 2017
M T W T F S S
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Cerca


REGISTRO DE OBRAS

Viaje por Italia (1) por A. de Azcárraga

Un placer condividir con vosotros un Viaje por Italia y ver...que muchas cosas no han cambiado!
VIAJE POR ITALIA

De: "Viaje por Italia" por A. de Azcárraga, editado el 1967.

"Se puede visitar un país extranjero de muchos modos. Uno, hoy muy frecuente, es el viaje colectivo en autocar. Se va a la agencia de turismo, se elige alguno de los circuitos prefabricados, se abona la inscripción...y ya se sabe. Como el itinerario para mayor aliciente, comprende muchos lugares y, para mayor economía, los días son pocos, el viaje resulta una carrera. Una loca carrera solo interrumpida por breves detenciones en las ciudades de las que apenas se ve nada. En cuanto al contacto con la población del país que se visita es menos que nada: uno va encerrado con sus compatriotas en el autocar , con ellos rueda kilómetros y kilómetros, con ellos charla, con ellos come y cena...

Igual que jurídicamente en los casos de extraterritorialidad, aquí, psicológicamente, ninguno sale de su propio país. Observen a esos viajeros a la vuelta: solo les oirán anécdotas de sus compañeros de tour, o referencias de las cosas que comieron. Si vieron algo, lo han olvidado.


Otro modo de viajar por el extranjero, tal vez el más usual, es yendo en coche propio. El sistema tiene sin duda, las ventajas de la autonomía y de la no sujeción a horario y por supuesto, el que se ve algo más. Pero el contacto con la gente del país visitado es también harto escaso. El automóvil es como un fanal aislante; permite ver a  

TRENOtravés  el paisaje, pero no deja comunicar con los que lo habitan.

El automovilista vive el coche, no el país que recorre; y así, cuando retorna, su principal tema de

conversación se centra en el comportamiento de su vehículo, cuyas cualidades, ocioso es decirlo,

superan las de cualquier otra marca, sobretodo manejado por un experto conductor como, naturalmente, es también su

caso.

El distanciamiento con los indígenas es mayor todavía si el turista es hombre pudiente que no utiliza más que el avión y se hospeda siempre en hoteles de gran lujo. Entonces tratara solo a los usuarios de las grandes líneas aéreas, a los habituales de las cadenas Carlton o Hilton, gentes que no pueden dar al viajero la más pequeña idea del país que visita. Porque esas gentes son de molde internacional , igual en todas partes. Sus costumbres son uniformes: comen y beben lo mismo, visten de igual modo, bailan los mismos bailes...Y, por la poca experiencia que uno tiene del género, suelen ser también igualmente aburridas.


Si descartamos el viaje a pie, estilo globe-trotter --que me parecería el mejor--, de tener menos años y más tiempo disponible--, queda otro modo aun de hacer turismo, ya arcaico y vulgar, pero el más apropiado para hombres curiosos y de economía subdesarrollada: el viaje en ferrocarril.


Los vagones de tren facilitan unos contactos muy aleccionadores con la población del país visitado y  GENOVA1967 2

son propicios a la charla y al establecimiento de rápidas amistades. Nada más parecido a un amigo

íntimo que ese desconocido con el que simpatizamos en el tren y con quien intercambiamos en un par

de horas nuestras más sinceras y reservadas opiniones.

Por los motivos expuestos decidí hacer mi periplo de Italia utilizando el ferrocarril. El objetivo modesto y declarado de mi viaje era echar un vistazo a las poblaciones del recorrido y a sus monumentos y museos, en especial los de pintura.

El otro objetivo, más ambiciosos y casi inconfesable, se cifraba en la esperanza de entrever, al contacto con las tierras y los hombres de Italia, algo de sus secretos.


Una esperanza quimérica. Más bien, por el contrario, el lector deberá excusar que en mi relato caiga con frecuencia en el lugar común. Las rutas seguidas y las ciudades vistas han sido ya muy transitadas y descritas, y solo falseando la realidad podría yo decir de ellas algo nuevo.


(...) Ya en el tren hacia Génova me di cuenta de que, desde Barcelona el material rodante que había usado era todo de procedencia italiana, de Turín. En el último tren francés, incluso los cartelitos de las ventanillas iban ya en la lengua de Dante: Chiuso, Aperto, è pericoloso sporgersi... "Pericoloso". Que graciosa palabra!


Tras la Costa Azul sin solución de continuidad el tren avanza bordeando la Riviera dei Fiori.  GENOVA1967 4

La Riviera italiana es muy bonita, pero recién contemplada la Costa Azul, desmerece.

La urbanización, las edificaciones, las villas, todo baja de tono sensiblemente. Su nombre es justo: entre la línea férrea y el mar, al aire libre o en invernaderos, las plantaciones de flores, sobre todo de claveles, se suceden ininterrumpidamente. Es una policromía encantadora sobre el fondo azul del Mediterráneo. La floricultura y el turismo son la base económica de esta región.
Próximo a San Remo leí sobre los postes del telégrafo, bajo la calavera y las tibias, el aviso: Chi tocca i fili, muore. Es mucho más enérgico que nuestro "No tocar, peligro de muerte". Nosotros advertimos del riesgo de morir, en Italia dan la muerte por segura.


El lenguaje italiano , como el portugués, hipertrofia un tanto las cosas. En Italia, por ejemplo, llaman millepiede a lo que nosotros llamamos cienpies; maresciallo –mariscal—al sargento mayor.


Pero debo ya declarar que en cuanto cruce la frontera franco-italiana y me halle rodeado de italianos en el tren, experimente una sensación que podría resumir en esta frase: "Otra vez en casa". Y en los días sucesivos comprobé que no era un espejismo; un español en Italia se halla como en su casa a todos los efectos.
(Capitulo II: Génova la Soberbia...)

"Génova es una ciudad que ofrece evidentes analogías con Marsella y Barcelona. Las tres son puertos de mar, los más importantes del Mediterráneo; las tres muestran la misma apasionada actividad mercantil; la tres poseen sendas y hermosas vías que bordean o conducen al mar: Vía Balbi, la Canebiere, las Ramblas. De esas tres avenidas, a mi juicio, la más interesante y de mayor personalidad es la catalana. Las Ramblas constituyen una avenida de un atractivo singular, multiforme, inagotable. La Canebiere es una avenida más sencilla y optimista; la Via Balbi con sus palacios, es la más señorial.


Las tres vías delatan la vocación marinera de las tres ciudades de igual modo que en Valencia la inexistencia de una vía análoga revela la falta de esa vocación. Pues no cabe emparejar con las citadas la avenida del Doncel Don Luis Felipe García Sanchiz, que incluso con su largo e inexplicable nombre subraya los tres kilómetros que nuestra ciudad dista del mar, en tanto que las otras ciudades están en su misma orilla. Tal vez a Valencia, su llana e indefensa costa, tentación de piratas, la obligo a retraerse; tal vez hubiera sido más marinera de no tener un suelo tan feraz.

Es difícil saberlo —con lo que solo quiero expresar que yo lo ignoro. De las ciudades mencionadas, GENOVA1965 1

Génova es, como digo, la de mayor prestancia, aunque aparezca levemente descuidada e incluso,

para decirlo todo, un poco sucia. Instalada sobre colinas dispuestas en anfiteatro frente al mar, esta

ciudad fue llamada "la Soberbia" por esta misma situación, por su pasado de gran republica marítima

y por sus numerosos y bellos palacios.


Llegue a la ciudad ya de noche y, a la salida de la estación, en la plaza Acquaverde, me enfrente con la gran tarta del monumento a Colon, que ostenta la dedicatoria: A Cristoforo Colombo, la patria".


"Siempre se aprende en los viajes", pensé para mis adentros. Porque, si bien es probable que el ilustre navegante naciera en Génova, es lo cierto que no hay documento que lo pruebe de manera definitiva. (...).


Cene en el hotel. El inevitable frasco de mostaza de las mesas francesas es sustituido en Italia por el recipiente de queso rallado. En Italia podrán olvidarse del pan, pero jamás del queso. El agua de Génova me gustó mucho; era un agua serrana, delgada y fina como la de Madrid de antaño y, según pude comprobar al lavarme, de la misma suavidad al tacto.
Después de cenar Salí a tomar café. Tenía ganas de probar el famoso, archiensalzado café italiano, y entre en el primer establecimiento del género que halle al paso. La cantidad de café que me sirvieron, la dosis italiana, es como dos tercios de la española. El aroma era excelente. Bebí el primer sorbo...Y hay que rendirse a la evidencia.

Es un café sabiamente concentrado, de un sabor auténticamente positivo, exquisito. ESPRESSO

Nunca había tomado tan buen café, Las cafeteras españolas son de marca italiana; el grano podrá

ser de la misma procedencia; pero el café resultante no es igual.

Y un grato detalle, que entonces creí peculiar de aquel establecimiento, pero que luego comprobé era general en toda Italia, es que el azúcar no lo ofrecen en terrones, sino molido, en unos grandísimos azucareros de plata, de los que el cliente se sirve a discrecion. (...).


Me fui a pasear en dirección al puerto, pero como la noche era algo fresca y amenazaba lluvia, volví pronto atrás por una calle estrecha y larga., que elegí por hallarse más iluminada que las otras. Ante sus numerosos bares y trattorie deambulaba la gente sin prisa o charlaba en pequeños grupos, en los que vi algunas jóvenes muy pimpantes. De una bocacalle sobresalía la trasera de un auto, de tal modo que mostraba a los paseantes su portaequipajes abierto, y dentro del mismo, un variado surtido de relojes, estilográficas, tabaco americano y otros artículos de contrabando. (...).

Varias jóvenes curioseaban allí y me llamo la atención lo cortas que se llevaban las faldas en Italia; GENOVA1965 2

una chica con la que me cruce, la más exagerada, la llevaba casi un palmo por encima de la rodilla.

Y de pronto...

De pronto comprendí que estaba en plena calle del Conde de Asalto genovesa (*la aparición de la minifalda fue posterior al viaje del autor, realizado en 1963, y al texto de este libro, ya publicado por el diario valenciano Las Provincias, en forma de artículos, durante el primer semestre de 1965...).


(...) A la mañana siguiente hice la visita, il giro della citta que, según el prospecto que me habían dado en el hotel, comprendía el paso por numerosos lugares para terminar, con un aperitivo, en el piso 31 de un rascacielos. Cuando subí al autocar, lloviznaba ligeramente.


Los ocupantes del vehículo pertenecíamos a diversas nacionalidades; en el asiento anterior al mío iba un matrimonio mejicano con el que pronto entable conversación. Eran personas muy viajeras y conocían muchos países; el verano anterior habían estado un mes en el Japón.


Aquel dichoso giro de Génova fue una buena calamidad y una experiencia definitiva para no hacer más excursiones por agencia en ninguna otra parte.

A todo correr y salvando fuertes desniveles, porque el conjunto urbano de Génova se ha formado  STAGLIENO

escalando las colinas circundantes, atravesamos calles y más calles y pasamos ante iglesias y

palacios de los que nuestro cicerone se limitaba a dar los simples nombres. Tan solo condescendió

a explicarnos que el aperitivo del programa era gratuito,

obsequio de la agencia. Así vimos todo, sin bajar y a toda marcha, a excepción del cementerio de

Staglieno y la catedral de San Lorenzo.

El cementerio, al que llaman cimitero monumentale, justifica su denominación por el incalculable número de monumentos funerarios que contiene. (...)El cementerio de Staglieno esta entrecruzado por senderos bordeados de árboles y flores, como un jardín. Toda su escultura, una selva de mármol, es del siglo XIX y, por tanto, de un realismo romántico.

Es, dentro del género, excelente; pero por desgracia, tal género era intrínsecamente banal, anecdótico y dulzón. Todo lo romántico suele ser mediocre –lo que, como diría Huxley, no es una opinión personal, sino un hecho histórico. (...) Resta, sin embargo, una dificultad grave para aceptar plenamente que todo lo romántico es mediocre: la indiscutible calidad de la música romántica (...).

(NdR: sigue el resumen libre de varios capitulos...)

 

 

La Laguna (51) per N. Cataldo

VERSIONE SPAGNOLA

Ciao a tutti e buon anno 2017 da una calda ed accogliente Santa Cruz de Tenerife!


Ci sono arrivato nel pomeriggio di avantieri direttamente da Bari e, dopo due voli, un'oretta di REYES

autostrada, mi sono dovuto sorbire anche il traffico e gli ingorghi provocati nella capitale dell'isola

dalle restrizioni al traffico causate dalla Cabalgata dei Re Magi.

Uno stress infinito: immaginate che ci ho messo più tempo per arrivare dall'entrata di Santa Cruz a casa che per fare sessanta chilometri di autostrada!

Per fortuna ieri ed oggi sono state giornate molto più rilassanti ed allietate da un sole che mi è mancato come il pane durante le giornate che ho passato a Bari. Erano quattro anni che non andavo in Italia in questo periodo e credo che non lo rifarò mai più ;)

A parte le temperature gelide, un altro motivo per evitare questo periodo dell'anno è la presenza MOCOS

invasiva dell'influenza che mi ha colpito duramente negli ultimi giorni del mio soggiorno a Bari.

A quanto pare, c'erano vari tipi di virus, e a me è toccato quello caratterizzato da febbre non molto

alta, ma da incredibili dolori di stomaco, indigestione, vomito, etc etc...


Per colpa dell'influenza, ho perso tre giorni di giri vari per la città, ho dovuto rinunciare a salutare qualche amico e, soprattutto, abbiamo dovuto cancellare una partitella a calcio che alcuni amici avevano organizzato appositamente per il mio ritorno.

Ma se vogliamo vedere la parte positiva, il virus mi ha raggiunto nel momento opportuno del mio soggiorno e cioè la notte tra l'uno ed il due gennaio permettendomi così di affrontare il viaggio per Tenerife in condizioni di salute accettabili.

Però, immaginate come è cominciato il mio anno... meglio pensare che almeno non può peggiorare!

E allora la prossima volta ci andrò nel periodo di Pasqua o d'estate come ho sempre fatto negli ultimi VUELO

anni, evitando così virus vari e il freddo e soprattutto godendomi il meglio della mia splendida Puglia.

Infatti, quando qualcuno mi chiede un parere sulla mia regione, consiglio sempre di visitarla in estate

che è quando da il meglio di sé. In inverno fa buio molto presto il che fa venir meno una delle cose

più belle che, secondo me, può vantare la regione: una luce molto particolare.

E poi anche gli spostamenti e la voglia di muoversi si vedono limitati. Basta dirvi che in questa vacanza a Bari sono stato per l'appunto solo a Bari, mentre, per esempio nell'agosto del 2015 ho toccato quattro delle sei province pugliesi.

Comunque, come al solito è stato un gran piacere rivedere parenti ed amici che tra l'altro in questo momento sono sotto la

neve perché da quando sono partito le temperature si sono ulteriormente abbassate.

E già che ci sono li saluto dal mio salotto di Santa Cruz in questa mattinata del primo sabato dell'NIEVE

anno con la finestra aperta e con il sole che invade il mio appartamento mentre in pantaloncini e

maglietta vi scrivo queste due paginette.

Divertitevi giocando con le palle di neve mentre io domattina me ne vado al mare ;)

 

Nonostante il freddo e l'influenza a Bari sono riuscito a fare un bel po' di cose e credo che, come quasi sempre, un buon punto per cominciare a raccontarvele sia proprio l'inizio che, in un certo senso, non è stato a dicembre, ma a metà ottobre. Mi spiego: quando, per l'appunto a metà ottobre, ho comprato i biglietti per Bari, ho deciso di avvisare solo il mio carissimo amico Francesco con il quale ho deciso di fare una sorpresa a tutti gli altri.

E quindi approfitto di quest'occasione per ringraziarlo perché so che non è stato facile mantenere il segreto e stare arroccato davanti alle domande degli altri per più di due mesi. Devo ammettere che anche per me non è stato facile però alla fine abbiamo avuto la nostra ricompensa perché la sorpresa è riuscitissima.

E vedere la reazione di tutti non ha prezzo. Come l'abbiamo organizzata? Una sera dopo cena Francesco è venuto a prendermi da casa e lui, con me nascosto dietro, è arrivato a casa di Lucia e Nataly. Lì c'erano quasi tutti i miei amici convocati da Francesco con la scusa di un grande annuncio che aveva anche dato vita a diverse teorie nel gruppo di whatsapp.

E, invece, niente matrimoni o gravidanze alla vista, ma semplicemente l'arrivo di una persona che nonostante i chilometri che ci separano riuscite sempre a far sentire a casa come se non fosse mai andato via.

VINOMANO

Qualcun'altro è arrivato dopo e quindi ho dovuto nascondermi in una stanza nuova che

avevano creato (appositamente?;) nell'appartamento e così quando ai ritardari veniva mostrata la

nuova stanza dell'appartmento, si accendeva la luce e dentro c'ero io con un bicchiere di vino per

combattere il freddo e a farmi compagnia in quei trenta secondo di attesa al buio ;)

Nei giorni seguenti, tra le altre cose, visite a qualche parente tra i quali mi sento di parlare soprattutto del pranzo del primo gennaio a casa di mia zia Tina (sorella di mia madre), dove mi sento sempre a casa, dove si mangia bene e dove provo ad andare in tutte i miei viaggi a Bari.

Altre tappe che spiccano sono quelle da Monica, Lucio e Angelo. Sono tre amici che gestiscono altrettante birrerie in città.

Da Monica e Lucio, ex colleghi di facoltà, ci sono andato nella stessa sera con alcuni amici dei tempi birre

dell'università tra birra e schiaffi a mo' di dimostrazione di affetto ;) Lucio poi, mastro birraio, mi ha

promesso di inviarmi appena possibile una ricetta per produrre una bella biretta con gli amici di

Tenerife.

Da Angelo, invece, la cosa si è rivelata un po' più complicata ma non per questo meno simpatica.

Infatti, ci sono passato tre volte perché nella prima e seconda occasione ho trovato il locale chiuso (mi è testimone ad Eugenio) e, siccome non c'è due senza tre, il giorno prima di partire siamo riusciti a salutarci bevendo un cicchetto più che mai alla nostra salute.

Infatti, mentre Francesco e Saverio hanno preso Jameson Irish Whiskey, il mio shot e quello di Angelo erano bianchi: il suo di vodka ed il mio un mix di acqua e fermenti lattici per rimettere a posto il mio stomaco. Credo che sia quanto di più alcolico abbia bevuto in questa prima settimana dell'anno ;)

Visto che parliamo di dieta, ne approfitto per chiedere scusa a Shumon, a mio modesto parere il  CARDONCELLI

miglior pizzaiolo d'Europa, per aver ordinato una pizza meno saporita dell'abituale Norcina con

bufala e cardoncelli, ma sicuramente sa che a me dispiace più che a lui e che al prossimo giro

rimedierò.

 

Spero che abbia apprezzato lo sforzo nella mia ultima serata barese date le mie precarie condizioni di salute che per quasi tre giorni hanno limitato la mia dieta a riso in bianco e mozzarella.

E a proposito di latticini, non posso chiudere questo blog senza salutare Maurizio Ricotta e i suoi  BARICALCIO

amici che ci hanno occupato due posti in curva Nord. Infatti, il ventinove dicembre solo io e

Francesco perché qualcuno aveva troppa paura del freddo (leggi Mr Esposito;) siamo andati allo

stadio per assistere al pareggio tra Bari e Spal.

E allora in buona compagnia quello che poteva essere un incubo climatico si è rivelata una serata divertente riscaldata dalla passione biancorossa e da qualche Caffè Borghetti ;)

Che ho fatto il 31?

Mangiare panzerotti, bere come se fosse l'ultimo giorno dell'anno, saltare, fare trenini, arrambare  TRENCITO

inviati dell'ONU (è una lunga storia;) e ancora prendere decisioni su due piedi e ballare rock and roll

su uno solo;)


Un abbraccio e a presto,


Nico

NdR: Tanti Auguri e un Bel 2017 Nico!

 

 

Per la Pace... per la redazione del Blog

 

Adeste, fideles, laeti, triumphantes,  ADESTES 1
Venite, venite in Bethlehem:
Natum videte Regem Angelorum:

 

Venite adoremus, venite adoremus
Venite adoremus Dominum.

En grege relicto, humiles ad cunas,
vocatis pastores approperant.
Et nos ovanti gradu festinemus.

 

Venite adoremus, venite adoremus
Venite adoremus Dominum.

Aeterni Parentis splendorem aeternum, ADESTES 2
Velatum sub carne videbimus
Delum Infantem, pannis involutum.

Venite adoremus, venite adoremus   

Venite adoremus Dominum.

 

Pro nobis egenum et foeno cubamtem,
Piis foveamus amplexibus:
Sic nos amantem quis nos redamaret?

 

Venite adoremus, venite adoremus
Venite adoremus Dominum.

 

Deseamos que tengais Felices Fiestas de Navidad y un precioso 2017, sobretodo PAZ!

 

 

 

La Laguna (50) per N. Cataldo

VERSIONE SPAGNOLA

Ciao a tutti, come va?

Qui con un sacco di lavoro, ma tutto ok. Proprio a causa del lavoro, questo blog sarà probabilmente APUNTES

un po' più breve dei precedenti dato che non ho troppe cose da raccontarvi. Quelli di voi che mi

leggono spesso, o anche semplicemente coloro che hanno letto l'ultimo blog, staranno avendo

la sensazione di un dejavù ;)

 

Ma, effettivamente, a parte alcune piccole differenze, il mese di novembre è stato molto simile a quello di ottobre. La prima differenza è che è passato un mese e quindi il mio desiderato gennaio, detto anche mese di tregua, si è avvicinato abastanza ;)

Un'altra differenza è che mentre vi scrivo dalla poltrona del mio salotto nel tardo pomeriggio di questo ultimo sabato del mese, fuori non piove come, invece, succedeva un mesetto fa.

Per il resto, moltissime somiglianze tra i due mesi e tra i due blog. Oggi, come l'altra volta, seratina tranquilla a casa e per lo stesso motivo dell'ultimo blog che finalmente posso raccontarvi dato che non ci sono più motivi per la scaramanzia;)

Domenica sei novembre ho partecipato ad una corsa di otto chilometri in centro a Santa Cruz che SANTACRUZNOV2016

sono riuscito a completare con un tempo accettabile: 43:51. Non ve ne avevo parlato prima perché

l'ultima volta che avevo fatto qualcosa di simile era stato una vita fa... se non ricordo male, nel

2005 avevo completato dieci chilometri sul lungomare di Bari.

E allora sono passato da un lungomare ad un altro: da un po' di tempo a questa parte ho cominciato ad allenarmi sul lungomare della capitale dell'isola. Da quando vivo a Santa Cruz, infatti, e forse anche da prima, ho cambiato un po' il mio bioritmo e i miei orari e sto facendo vita più diurna e un po' di sport.

Il lungomare è a due minuti a piedi da casa e tutte le volte che posso, e causa lavoro molto meno di quanto mi piacerebbe, esco a correre qualche chilometro o un'oretta. Con la musica nelle orecchie, il mare negli occhi e il sole nel cuore a volte arrivo fino a María Jimenez, una frazione della capitale dell'isola.

Mi piace molto la sensazione che provo mentre corro e soprattutto quella che mi lascia addosso CORSA

per tutta la giornata. Mi sento più attivo ed ottimista... sarà l'endorfina ;) O forse sarà il buonumore

che mi trasmettono tutte le persone che incrocio sul lungomare che come me fanno sport e che ti

salutano quando te le trovi su quello che qui a Santa Cruz è conosciuto come il Viale del Colesterolo ;) nel senso che è un buon posto per provare ad abbassarlo facendo un po' di sport ed una vita più sana.


E quindi stasera seratina tranquilla con film e riposo perché domattina ho un'altra corsa, questa volta di soli cinque chilometri sul lungomare. Si tratta di un evento organizzato dal Corte Inglés e sicuramente ci sarà un bel po' di gente e una bell'atmosfera. E se nelle ultime occasioni ho optato per meravigliosi film di Riccardo Darín questa sera mi tocca un documentario che avevo registrato tempo fa sulla vita di Fidel Castro.

Perché stamattina mi è arrivata la notizia della morte di uno dei personaggi, nel bene e nel male, più importanti del ventesimo secolo. In questa sede non è il caso di parlare di política e allora mi limito a dire che mi rimane il rimpianto di non essere andato a Cuba quando Fidel era ancora vivo e che spero di andarci il prima possibile perché è un paese che come tutta l'America Latina mi attira moltissimo. E poi, come Tenerife, è un'isola e le isole, credete a me, hanno qualcosa in più ;)


Tornando alle mie avventure da corridore, quella di domani non sarà la mia seconda corsa del  MEDANO2016

mese, visto che sabato scorso ho portato a termine sette chilometri ad Arona, nel sud dell'isola.

Mi sono preso la briga di attraversare quasi tutta l'isola non solo per partecipare a questa corsa,

ma anche perché dopo ho fatto serata a El Médano dalla mia amica Sandra con cui ho cenato e sono andato a bere qualcosa.

Si è trattato di un piacevole diversivo e di un modo di staccare la spina facendo qualcosa di diverso.

Infatti, non mi capita spesso di fare serata nel sud dell'isola e devo ammettere che mi sono divertito.

Dopo cena siamo andati a bere qualcosa in un locale dove abbiamo assistito ad un concerto di un gruppo andaluso. Poi la stanchezza ha cominciato a farsi sentire anche perché i sette chilometri nel centro storico di Arona era un continuo sali e scendi che dal punto di vista fisico e psicologico mi ha messo a dura prova.

Però, sono abbastanza fiero di me stesso visto che, anche in questo caso, sono riuscito a portare a ARONA

termine la corsa con un tempo accettabile. In più è stato molto bello correre sotto il ciello stellato

e visitare in questo modo, e per la prima volta, il centro storico di questa piccola cittadina dell'isola.


Tra un mese vi racconterò, tra le altre cose, della corsa di domani e del clásico Barcelona-Real Madrid della prossima settimana che sicuramente vedrò in compagnia del mio amico, catalano e culè, Manu. Per il momento vi saluto e vi rimando al prossimo blog, che sicuramente, sarà un pochino più lungo.


Un abbraccio
Nico

 

"Cognati e amanti: Francesca e Paolo nel V Canto dell'Inferno", per M. Santagata

Hemos preparado un pequeño resumen de un tema de la "Commedia" estudiada por el Prof. Santagata. Esperamos que nuestro español pueda competir en profundidad con la capacidad del Prof. Santagata:

„Cognati e amanti : Francesca e Paolo nel V Canto dell'Inferno" per M. Santagata

I Canto dei golosi comincia il suo racconto al punto esatto in cui l'aveva interrotto quello dei lussuriossi:

      Al tornar de la mente che si chiuse  FIRENZA 2
dinanzi alla pietà d'i due cognati,
che di trestizia tutto mi confonde,
     novi tormenti e nove tormentati,
mi viene intorno [...] V 1-5
    Mentre che l'uno spirto questo disse

l'altro piangea, si che di pietade
io venni men cosi com' io morisse
     E caddi come corpo morto cade (V 139-42)

(...)

„I versi del Canto VI non sono un appendice del canto V se non altro perché solamente da loro il lettore viene a sapere - e si tratta di una informazione indispensabile per l'esatta comprensione del episodio - che i due amanti di Rimini erano „cognati".
(...)

Il rapporto metonimico tra le pene (''la bufera infernal', ''la piova eterna'') e dunque tra le atmosfere dei due Canti è lo sfondo sul quale si evidenziano sia il sostanziale parallelismo della loro articolazione strutturale – entrambi si aprono con la figura di un demonio (Minosse, Cerbero) e proseguono con la desccrizione del paessaggio e della pena; nell'uno e nell'altro, dalla masa delle anime dannate emerge una sola voce protagonista (pero, mentre Francesca è chiamata da Dante, Ciacco chiama lui stesso l'attenzione del pellegrino : e questa differenza di comportamento va aggiunta all'elenco dei tratti oppositivi)-, sia la similarità nell'ordito del discorso, da certe movenze sintattiche e stilistiche sino all'impostazione stessa della voce narrante [...] or son venuto / là dove molto pianto me percuote" (V 26-27); io sono al terzo cerchio, de la piova / etterna" (VI 7-8).


Se Francesca e Ciacco possono annullare la loro radicale diversità nel ricorso a un comune registro retorico (Di che udire e che di parlar vi piace, / noi udiremo e parleremo a voi (V 94-95) „tu fosti prima che io disfatto fatto" (VI 42), nell'interloquire con loro il personaggio Dante ripete formule di cortesie simile nel tono e nelle parole:

E cominciai : „Francesca, i tuoi martiri
a lagrimar mi fanno triste e pio
     Ma dimmi,:al tempo [...] (V 116-118)
     Io li rispuosi: „Ciacco, il tuo affanno
mi pesa si, ch'a lagrimar mi 'nvita
ma dimmi [...] (VI 58-60)

La ragione de fondo dell'omogeneità risiede nella comune radice, l'incontinenza dei peccati FIRENZA 3

di gola e di lussuria. Da questa stessa radice ha origine la contiguità delle pene.

A differenza degli altri incontinenti (avari e prodighi, iracondi e accidiosi) omogenei nei peccato, ma

esattamente especulari nella manifestazione della colpa, lussuriosi e golosi praticano vizi, per cosi ,

solidali.

Tra di loro non puo esserci scontro o zuffa: sono fratelli nella pena come lo sono stati nell'errore.

(...) Eppure i due canti sono collegati anche e sopratutto da una lunga serie di opposizioni a livello di resa letteraria.

(...) Pur nella contiguità metereologica della „bufera" e della „piova",opposta è l'atmosfera dei due cerchi:

ventosa e vorticosa quella dei lussuriosi; uggiosa nell' eterna regolarità della pioggia quella dei golosi.

E così è anche per l'ambiente: aereo nel primo Canto (non per nulla punteggiato de similitudine ornitologiche), grevemente terragno nel secondo; e per lo stesso contrapasso, che dal'irrequieta mobilità dei peccatori presi dai vortice si rovescia nel cieco e animalesco torpore delle anime prostrate al suolo. I lussuriosi (per lo meno i morti per amore, che volano in fila indiana) sono subito riconoscibili, tanto è vero che Virgilio li indica per nome; i golosi sono trasformati dalla pena sino a perdere i tratti umani („riconoscimi, se sai" v. 41) e a imbestiarsi („Urlar li fa la pioggia come cani" v. 19).

Il V è un Canto al femminile, il VI presenta solo personaggi maschili. Nel V si parla di amore e letteratura; nel VI si parla di politica. Il V popolato di eroi, di regine, di nobildonne, porta alla ribalta personaggi romagnoli di conclamata nobiltà, il VI elenca solamente personaggi di Firenze, alcuni dei quali, a cominciare dal protagonista, di dubbia notorietà.

Se il V alude al mondo delle corte feudali, anche il VI fra le righe, parla di corti, ma di quelle FIRENZA 1

'imbandite' presso le case dei ricchi fiorentini. Quella fra nobili di sangue e aristocrazia del

denaro è l'opposizione che sussume quasi tutte le altri. Talmente forte da investire la stessa

figura del personaggio Dante: mentre nel V il Dante storico è interamente risolto dentro la

figura del Dante personaggio, l'impianto politico del VI conferisce al suo personaggio uno

statuto autobiografico molto più definito.
(...)

Per quanto riguarda Francesca e Paolo, la domanda da farsi è se la loro storia voglia unicamente esemplifica lo scacco del singolo dinanzi alle forze del desiderio, quello della razionalità di contro agli appetiti, insomma il conflittuale rapporto tra libero arbitrio e fatalità della passione secondo le letture più acreditate) o sia anche, se non sopratutto, una rappresentazione simbolica di comportamenti culturali e sociali determinati. E altretanto si può dire per Ciacco.

Lussuria e gola, cioè, possono essere visti come peccati dei singoli (e in quanto tali, tra loro omogenei), oppure come peccati sociali, tipici di ambienti diversi, e perciò, passibili di rappresentazione contrapposte.

„Lussuria" e „gola" di presentano appaiate, prima che nell'Inferno, nella canzone Poscia ch'Amor del tutto m' ha lasciato:

Qual non dirà fallenza
divorar cibo ed a lussuria intendere?
Ornarsi, come vendere
si dovesse al mercato di non saggi?
ché 'l saggio non pregia orn per vestimenta,
ch' altrui sono ornamenta,
ma pregia il senno e li genti coraggi (vv 32-38)
(...)
Lussuria e gola sono vizi dei „falsi" leggiadri, dei falsi cavalieri che no operano secondo virtù e non si attengono, nei comportamenti pubblici, al giusto mezzo.

Sono dunque vizi, insieme alla prodigalità, all'avarizia, all'incapacità di „donneare" (cioé, di amare donna amorosa [v. 49], non limitandosi a „pigliar villan diletto" [v. 54] ) di coloro che credono di attegiarsi da „leggiadri" e invece ignorano i fondamenti della vera leggiadria. Vizi sociali e pertanto, o meglio ancora, vizi di un determinato ceto sociale. Tanto più che nella canzone „lussuria" no designa soltanto leccesso sessuale ma [in accordo con l'uso medievale di luxuria quale è documentato dai lessicografi] si estende a significare classicamente l'inclinazione al lusso e allo sperpero" (...)

Fondamento della leggiadria è la virtù, che a sua volta è l'elemento costitutivo della nobiltà. Poscia ch'Amor rimanda necessariamente a la precedente canzone La dolce rima d'Amor ch'i' solia. Alla canzone cioé che confuta l'idea di nobiltà di sangue a favore della tesi che essa sia un dono divino elargito senza distinzione sociali. La stessa virtù deriva dalla nnobiltà, rigurosamente intesa come nobiltà d' animo.

Con queste due canzoni risaliamo al Dante prima dell'esilio, ancora immerso nelle polemiche cittadine e ancora convinto di dovere esercitare un ruolo didattico nei confronti dei suoi concittadini. La radicalità della canzone sulla nobilitas non solo non esclude l'intento pedagogico, ma anzi, pur nel pesimismo presente, dà vita con la canzone della „leggiadria" a un vero programma di aculturazione: si trattava di fissare un codice gentile per i potentes di Firenze, nobili di sangue o grandi di nuova ricchezza che essi fossero.
(...)
Francesca parla d'amore e di letteratura. Purtroppo quello che lei chiama amore è lussuria e la letteratura di cui fa sfoggio non sempre è buona letteratura.
(...)


Fonte: „Cognati e amanti Francesca e Paolo nel V dell'Inferno" Pisa, diciembre 1997 pp 120-124"

NdR: El Prof. Santagata ha publicato "Come donna innamorata" editado por la Universidad de Salamanca y organizó el "Dante Posticipato" este verano. Es parte de un proyecto de informática relacionado con las Humanidades y estudioso de Dante.

 

La Laguna (49) per N. Cataldo

VERSIONE SPAGNOLA

 Ciao a tutti, come va?
Qui con un sacco di lavoro, ma tutto ok.

Proprio a causa del lavoro, questo blog sarà probabilmente un po' più breve dei precedenti dato che LIBRIott

non ho troppe cose da raccontarvi. Comunque, vi scrivo da una comoda poltrona nel salotto di casa

mia mentre fuori sta praticamente venendo giù il cielo... il mio sottofondo musicale per redigere

questo blog è, infatti, il fragore dei tuoni che si susseguono in una pioggia che promette di arrivare almeno fino a sera.

Forse pioverà anche domani anche se spero proprio di no. È che domani farebbe davvero comodo

una giornata (o almeno mattinata) senza pioggia.

Perché? Per una questione di scaramanzia, per il momento non posso dirvelo, ma prometto di parlarvene nel prossimo blog.

In questo, invece, tocca parlare del mese appena passato. È stato, come ormai da vari anni a questa parte, un ottobre di intenso lavoro che ha preceduto un novembre che si annuncia altrettanto duro dal punto di vista lavorativo.

Morale della favola: non vedo l'ora che arrivi gennaio, che normalmente è uno dei periodi in cui posso rifiatare un po'.


A rendere le cose un po' più difficili ci si è messo anche il cambio di orario del fine settimana passato che, con l'accorciarsi

delle giornate, credo deprima un po' tutti. L'inverno è la parte dell'anno che mi piace meno, però ho la fortuna di passarlo in

un luogo privilegiato dove diventa molto più sopportabile.

Domenica scorsa per esempio ero al mare e mi godevo una giornata dal clima praticamente estivo  MedanO

a El Médano, mentre martedì primo novembre sono andato ad una festa in piscina e quindi farei

meglio a non lamentarmi troppo, no? ;)

Anche perché la festa in piscina era a casa del mio carissimo amico Manu che ha deliziato i suoi ospiti con una fantastica

grigliata di pesce.

Come potete vedere la mia vita mondana sta virando molto verso orari più diurni e le nottate di baldoria in giro per l'isola si fanno sempre più rare forse anche perché, come direbbe mia nonna, non ho più l'età per fare certe cose e i postumi sono sempre più difficili da sopportare il giorno dopo.

Ieri, per esempio, ho bevuto un paio di birre con un mio studente e con alcuni suoi amici e oggi  birraott

ho quasi l'assurda sensazione di essere in resaca ;) Non ho l'abitudine di bere qualcosa con i miei

studenti, ma ieri nel tardo pomeriggio ci siamo casualmente incontrati presso il Recinto Ferial di

Santa Cruz e poi mi sono aggregato al suo gruppo per bere qualcosa. Anche perché lo studente

in questione è un mio coetaneo e sia lui che i suoi amici si sono rivelati molto simpatici.


Per chi non lo sapesse, il Recinto Ferial di Santa Cruz è uno spazio che viene usato nella capitale dell'isola per ospitare fiere di vario tipo durante tutto l'anno. Mi sembra un uso molto inteligente di una bella struttura e di uno spazio pubblico che molte città italiane farebbero bene a copiare. Tra esse, Bari dove, a mio parere, il quartiere della Fiera del Levante viene utilizzato e valorizzato molto meno di quanto si potrebbe e si dovrebbe.


Ma torniamo a Santa Cruz. Nel recinto c'erano due fiere. La prima di artigianato con prodotti e recinto

stand da tutto il mondo... un po' sullo stile del padiglione delle nazioni della campionaria barese

per rifare un paragone con la mia città d'origine. Della seconda fiera, invece, ve ne parlerò nel

blog del prossimo mese, come dicevo qualche riga più su per una questione di scaramanzia ;)


Tornando al mese di ottobre, un'altra bella serata l'ho passata a teatro e concretamente nel Teatro Guimerà a cinque minuti

a piedi da casa. Si tratta di uno dei teatri storici dell'arcipelago dove sono andato a vedere una commedia nella quale

recitava, tra gli altri, un amico.

Il fine settimana successivo, invece, ho fatto un salto al cinema del TEA dove ho visto Neruda, unneruda2016

gran bel film che raccontava una parte della vita del famosissimo poeta cileno.

È un lungometraggio di quest'anno che consiglio a tutti, soprattutto grazie alla straodinaria

interpretazione di Gael Garcia Bernal e ai diversi livelli di lettura che il film possiede.

Per spiegarlo in un modo semplice, si può dire che il regista riesce a mitizzare e smitizzare la fuga del poeta da un Cile in preda alla dittatutra mischiando storia, politica e poesia con delle immagini a metà strada tra la realtà e la fantasia... e meno male che volevo semplificare ;)

Scusate, ma con la pioggia viene fuori il filosofo che è nascosto in me ;)


Probabilmente state pensando che ho abbandonato La Laguna e in un certo senso avete ragione. piazzola

Infatti, lavoro a parte ci sono andato solo una sera all'inizio del mese per assistere a un bel

concerto gratuito dei Tangatos. Si tratta di un gruppo di argentini residenti a La Laguna da

qualche anno che riempiono le strade della città universitaria con le note delle loro canzoni e

con versioni di brani di Astor Piazzolla.


A proposito di illustri argentini, mentre vi scrivo l'Atletico Madrid sta perdendo due a zero in casa della Real Sociedad e il Cholo Simeone, allenatore della squadra della capitale, non sta vivendo un bel momento.

Chi, invece, molto probabilmente mi farà passare una bella serata è un altro argentino: tale Ricardo Darín del quale stasera probabilmente vedrò un altro film. È che come vi dicevo nell'ultimo blog, è un grande attore e regista che non delude mai.

Qualche giorno fa ho visto Nueve reinas, un filmone. E vediamo un po' cosa offre oggi la mia videoteca DARIN

personale che stasera il programma è un filmetto e a dormire visto che domani, nonostante sia

domenica, devo alzarmi presto. Perché? Per ennesima volta, la scaramanzia mi obbliga a

rimandare la risposta a questa domanda di circa trenta giorni ;)

A presto!
Un abbraccio
Nico

 

 

:: Cipensoio ::, Powered by Joomla! Hosting by SiteGround