Developed in conjunction with Joomla extensions.

Ci Penso Io...!

COLABORAMOS

SITIOS AMIGOS

NOS APOYAN

Eventi

June 2018
M T W T F S S
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30

Counter

Today30
Month1430
All127948

Cerca


REGISTRO DE OBRAS

La Laguna (56) per N. Cataldo

VERSIONE SPAGNOLA

Ciao a tutti, belli e brutti! ;) Come va? PADRETEIDE

Qui tutto ok, anche se oberato di lavoro.

A questo proposito, devo avertirvi che questo blog sarà più breve del consueto

perché in questo mese di maggio purtroppo non ho avuto molto tempo libero e

quindi non ho moltissime cose da raccontarvi.

Spero di potermi far perdonare a fine giugno ;)


Tornando al mese appena terminato, forse la giornata migliore è stata quella di domenica quattordici maggio quando abbiamo organizzato una bella festa in piscina con tanto di barbecue da Roi e Gabriela.

Si festeggiava la promozione di Roi e anche il compleanno di Juan, l'amico con cui avevo realizzato la mezza maratona de La Laguna a fine aprile della quale vi avevo parlato nel blog precedente.

C'era un bel po' di gente e di varie provenienze... tanto che ho finito per prendere lezioni di greco puerto rico

dalla simpaticissima figlia di due amici di Roi ;) Abbiamo passato una gran bella giornata tra bagni in

piscina, tantissima carne e alla fine, come sempre da Roi e Gabriela, partita ad un nuovo gioco da

tavolo. Questa volta si trattava di Puerto Rico, un gioco di strategia ambientato all'epoca dei

colonizzatori. Gioco un pochino complicato inizialmente, ma molto interessante e che vi consiglio.


Che altro? Un paio di sere mi sono visto con Filomena, una sarda giramondo che ha vissuto a Tenerife per qualche anno e che ogni volta che ripassa dall'isola mi avvisa per bere qualcosa assieme.

Ci siamo presi un paio di birre in un bel posticino che ho scoperto poco fa qui a Santa Cruz e come sempre, è stato un piacere vederla e spero che ricapiti presto a Tenerife o magari a Malta, dove si è appena trasferita per lavoro.


Sempre a Santa Cruz e come nel mese scorso, ho fatto un paio di capatine al Natura Jazz, festival dinaturajazz17

fotografia e jazz che anche quest'anno è arrivato alla sua conclusione. Proprio nell'ultimo giovedì del

mese ho assistito al concerto di un gruppo canario che riarrangiava canzoni popolari locali in

versione jazz mentre scorreva una selezione delle migliori foto che si erano succedute negli ultimi

due mesi. A mio parere, bella musica e foto anche più belle.

E ovviamente anche in questo blog, dovrete sorbirvi i soliti due paragrafi sul calcio ;)

La stagione calcistica da il meglio nel mese di maggio tra semifinali di Champion's League, finale della Liga e Copa del Rey, quest'ultima vinta proprio ieri sera dal Barca in una combattuta finale contro un coraggiosissimo Alaves che ha fatto tutte quello che poteva contro i culé e contro Messi che ha praticamente vinto la partita da solo.

Per quanto riguarda la Liga, domenica scorsa, l'ha meritatamente vinta il mio Madrid che sabato prossimo gioca contro la Juve la partita più importante dell'anno. E allora anche maggio sarà interessante dal punto di vista calcistico e non solo per il partitone contro gli amici juventini.


Infatti, ed eccovi il secondo paragrafo, la parte più importante della stagione del Tenerife vieneTETE2017

ora. E proprio poco più di un'ora fa il Tete ha vinto tre ad uno ad Alcorcón e si colloca

stabilmente in quarta posizione e con buone possibilità di partecipare ai playoff per la

promozione in prima divisione che si disputeranno nel mese di giugno dei quali spero di darvi

buone notizie nel prossimo blog.


La vittoria del Tete arriva tra l'altro a culminare una bella mattinata nella quale ho fatto un giretto per il Rastro dove non solo ho comprato un gran bel libro, ma ne ho regalati quattro. Come faccio a sapere che è un gran libro se non l'ho ancora letto?

Di quest'autore ho già letto altre cose e soprattutto me l'ha consigliato una persona dei cui gusti letterari e non solo posso fidarmi ciecamente. I libri che, invece, ho donato ad una delle bancarelle del mercato cittadino sono quelli di cui ho deciso di disfarmi ieri pomeriggio.

Non so se ve l'avevo mai detto, ma periodicamente (diciamo due volte all'anno) metto un po' d'ordineRECOVA

a casa tra libri e documenti vari, etc e quindi un bel po' di roba finisce nella spazzatura e altra al Rastro.

È che ogni tanto sento la necessità di alleggerire il peso delle cose che mi circondano.

E quindi dare via quattro libri per acquisirne solo uno nuovo e al prezzo di un euro mi pare che sia una

buona politica ;)

E poi visto che ero in zona, ho fatto anche un giro e la spesa nel Mercado de Nuestra Señora de África dove come sempre si

respirava un gran bell'ambiente.

E allora anche voi alleggeritevi e cercate il vostro ambiente ideale! Ci sentiamo tra un mesetto.
Un abbraccio,
Nico

 

Viaje por Italia (5) por A. de Azcárraga

Continuamos a compartir con vosotros las vivencias de éste viajero conocedor, curioso y simpático que recorrió Italia cincuenta años atrás...Gracias por vuestra compañia a lo largo de estos años...

 

(...) ¡Dónde hubiera ido a parar toda esta gente – artistas, mecenas y pontífices – en un régimenVASARI

comunista, execrador del culto a la personalidad! Rápidamente a un campo de concentración, donde

se hubieran encontrado, de haber vivido tambien entonces, con Diógenes Laercio, Plutarco, Vasari,

Carlyle, Ludwig, etc. (...)

El Renacimiento italiano exalto al máximo las personalidades valiosas, sus obras y acciones. Cellini

cuando expuso su Perseo, recibió el primer dia veinte sonetos laudatorios.

Y por cierto que en la fundición de esta escultura estuvo a punto de fracasar. El mismo relata que, al ver que le faltaba metal cuando deslizaba por el molde, arrojó en el crisol unas bandejas de plata que halló a mano.

Pasé algun tiempo en la Loggia de los Lanzi contemplando las demás esculturas que alberga, menos famosas que el

Perseo, aunque en mi opinión,mejores.

Entre ellas, el Rapto de las Sabinas, del flamenco italianizado Juan de Bolonia. De él es también la SABINE

estatua ecuestre que representa a Cósimo el Viejo, sita al otro lado de la plaza, ante el cual estuve

parado un buen rato; no ya por admiración a la escultura, sino para tributar así, con disimulo, mi

pequeño culto al viejo Medici. Creo que lo merece, por haber sido el primero en redescubrir el mayor

tesoro que nos negó la Antigüedad: la filosofia platónica.


Para acercarme a Cósimo hube de pasar ante la fuente de Neptuno, que está en el centro de la plaza.

Apenas la miré; pero al día siguiente recordaría una de sus esculturas al ver cierto cuadro del museo 

de los Uffizi, la Madonna del Collo Lungo, de Parmigianino. Un reuerdo por asociación, más que de

ideas, de formas plásticas. La figura de la fuente y la Virgen del cuadro tenía parejo alargamiento y

sinuosidad, análoga longitud contorsionada – serpentinata, dicen los italianos --; características propias

del comun estilo de sus autores, pues el escultor de la fuente, Ammannati, era otro manierista como

el pintor.

Precisamente una de las cosas que me sorprendieron en mi viaje, fue la superabundancia de laCOLLOLUNGO

producción manierista italiana. Sorpresa natural para el no especializado, pues son los artistas del

Renacimiento y el Barroco los que acaparan – con evidente justicia, ésta es la verdad –las páginas

de los textos y publicaciones de arte, sin dejar espacio apenas a los manieristas.


No lejos de la fuente, en el pavimento de la plaza, ví una baldosa redonda con una inscripción conmemorativa.

Decía que en el mismo lugar hace cuatro siglos y medio, „por inicua sentencia fue ahorcado y quemado" el fraile Jerónimo

Savonarola.

Si lo de „inicua sentencia", se refería sólo a su ejecución, no digo nada, porque la pena capital esSAVORANOLA

cosa fuerte; pero si lo que se pretendía sugerir es su inocencia ya es otro asunto. Savonarola, como

todo puritano fanático, era un hombre funesto, como lo fueron el rígido Calvino, el implacable

Torquemada, el incorruptible Robespierre y tantos otros que podriamos añadir a la lista. Todos

estos tipos, antigüos o modernos, que creen poseer, ellos solos, la verdad absoluta, son pájaros de

cuenta y, (...) convendría encerrarlos en jaulas.

 

(...) En el muro lateral del Palacio Viejo hay otra lápida fechada en no recuerdo qué día de agosto de 1944, el de la entrada de los aliados en Florencia.

El texto de la inscripción, retorcido y enfático, asegura que la ciudad no les fue „dada" a los florentinos, „sino reconquistada a precio de ruinas, de tortura, de sangre por insurrección del pueblo", por victoria de los ejercitos aliados, sería el más resolutivo en la conquista de la ciudad a los alemanes.

La vacua prosa de Gabriele D'Annunzio y la retorica fascista no han sido extirpadas todavía. SANTA CROCE FI

(...)Visité luego la capilla de Santa Croce, una iglesia que constituye, aunque sin título oficial, el

panteón de las glorias italianas, pues allí abundan los mausoleos de italianos ilustres: Canova,

Rossini, Maquiavelo, Galileo, Miguel Angel, Dante...Algunos de estos mausoleos, como los de

Rossini o Dante, están vacíos; son más monumentos que tumbas. Lo más interesante de esta iglesia son los

frescos de Giotto, por desgracia mal conservados. A Giotto hay que verlo en Padua y cuando llegue a esa ciudad les hablaré

de él.


Junto a la iglesia estan la capilla y claustro de los Pazzi, magnas realizaciones de Brunelleschi.  PAZZI

Capilla y claustro son de una armonía tan equilibrada y melodiosa que basta entrar en ellos para

sentirse invadido de serenidad. Todos los elementos arquitectónicos guardan entre si la

correspondencia y el ritmo de la buena música, de la poesía. Parecen, no creo exagerar, soneto

o fuga petrificados. Brunelleschi era un genio y afortunadamente, Florencia esta marcada con su

sello. Fue el primer artista que vió publicada en vida su biografía, un honor que mereció sin duda.


Cuando pasé de nuevo, ya anochecido, por las plazas de la Señoria y el Duomo me sorprendió gratamente su moderada iluminación, que es la apropiada para conjuntos urbanos de esta clase. En ciudades artísticas no convencen los excesos luminotécnicos. (...)Sería una buena idea enviar a Florencia a los encargados de nuestra iluminación urbana.

Y, para aprovechar la expedición e igualmente con fines instructivos, agregar un buen número de NOTTE

guardias ordenadores del tráfico. Florencia, excepcional en tantas cosas, también lo es por lo que a

sus urbanos se refiere, motivo por el que ahora les quiero hablar un poco de ellos.

 

Aunque bien vestidos, los urbanos italianos no son, desde luego, tan arrogantes como los de Montecarlo; pero les ganan en teatralidad y elegancia de movimientos. Sus manos, sus brazos, su cuerpo todo lo giran y flexionan con tan plástica y rítmica expresividad que se diría que han sido adiestrados en una academia de mímica y ballet.

Los autos, que –aún lo repetiré más veces – en Italia van velocísimos, tangentean su figura y les pasan FIAT 60

increíblemente próximos, afeitándoles literalmente. Como estos guardias son siempre muy jóvenes,

pensé al principio que eran los autos los que se encargaban de que ninguno alcanzara la madurez;

hipótesis errónea, pues en Italia hay relativamente, pocos accidentes, como en otra ocasion explicaré.

 

La razón de la juventud debe estribar en que, pasada ésta, no es posible tener la rapidez de reflejos que requiere la

circulación tan endiablada, ni la estética de movimientos que, sin duda, exigen las ordenanzas municipales.

El guardia de la calle de Tornabuoni me redordaba el Perseo de Benvenuto y el que dirigía el tráfico GUARDIA

ante el puente de la Trinidad tenía un movimiento de brazos que para si lo quisiera Leonidas Massine.

Yo me paraba ante los guardias en las horas punta porque sus actitudes me fascinaban.

Sobre todo cuando hacían a los autos cierto gesto con la mano, entre imperioso y despectivo, que un

madrileño de Lavapiés hubiera interpretado como un largo ya, panoli!; o ese otro gesto, felino y

espectacular, con el que iniciaban suavemente la vuelta para terminar con un ademán rápido y enérgico – quietos!-- con el

que detenían en seco la corriente circulatoria.

Tal vez ustedes me tilden de papanatas, y tal vez sea ésta, en efecto, mi verdadera vocación: yo  FLORENCIA 60

también soy capaz, como le sucedía no sé a quién, de pasarme una hora frente a una tapia tras la

cual dicen que está ocurriendo algo que no se ve. 

Pero, piensen ustedes de mí lo que gusten, si algún día van a Florencia, no dejen de observar a un

guardia urbano en el pleno ejercicio de sus funciones. Merece la pena. "

 

(De: "Viaje por Italia" A. de Azcárraga. Resúmen a cargo de la Redacción del Blog, versión libre)

 

La Laguna (55) per N. Cataldo

VERSIONE SPAGNOLA

Ciao a tutti e buona festa dei lavoratori!

Vi scrivo, infatti, dal salotto di casa in queste ore post siesta del primo giorno del mese di maggio. 1MAYO

Che ci faccio a casa oggi? Sto recuperando tutte le energie consumate durante la massacrante,

ma bellissima giornata di ieri.

Come vi avevo accennato nel blog del mese scorso, nell'ultima domenica del mese di aprile ho partecipato per la prima volta ad una mezza maratona e non solo ho portato a termine i ventuno chilometri e novantasette metri previsti dal tracciato, ma ho anche realizzato un buon tempo restando al di sotto delle due ore.

È stata davvero una gran bella esperienza facilitata dall'aiuto e dalla compagnia del mio amico granadino Juan che aveva già fatto qualche mezza maratona e con il quale ho percorso i primi dieci chilometri della gara.

Dopo, alla fine del primo dei due giri da dieci chilometri e mezzo, lui voleva aumentare un po' il suo MARATONLALAGUNA2017

ritmo, mentre io ho preferito mantenere più o meno lo stesso ritmo durante tutto il percorso. E

allora ci siamo rivisti al traguardo dove mi ha dovuto aspettare per quasi otto minuti ;)

Quando sono arrivato alla meta, mi sono inginocchiato e ho baciato terra come se fossi Cristoforo

Colombo che finalmente tocca terra anche se, a dire la verità, posso dire di essere arrivato abbastanza bene e che alla

prossima occasione cercherò di abbassare un po' i tempi.


E quindi perché ho bisogno di tanto riposo oggi? Perché dopo la gara e una doccia rapida ci siamo TEGUESTE

fiondati a Tegueste dove abbiamo partecipato all'annuale Romería di San Marcos. Come al solito,

gran bella atmosfera, divertimento assicurato con gli amici e qualche bicchierino di troppo anche

perché dovevamo festeggiare l'impresa realizzata in matttinata.

E così tra una cosa e l'altra sono andato a letto alle due ed è tutta la giornata che mi muovo tra il letto e il sofà per smaltire un hangover importante accompagnato da un po' di normalissimo e salutare indolenzimento muscolare. In ogni caso, tutto gestibile e domani ritornerò al lavoro come nuovo ;)


Comunque, il mese di aprile non solo si è concluso nel migliore dei modi ma, in generale, è stato abbastanza positivo e divertente. Grazie soprattutto alla visita che ho ricevuto all'inizio della settimana santa.

Infatti, dall'otto al tredici aprile (troppo pochi giorni) è venuto finalmente a trovarmi per la prima volta Davide con il quale è stato un grande piacere fare i soliti giri turistici e condividere tanto tempo.

Lui è uno degli amici storici dei tempi dell'università e abbiamo tantissimi amici in comune tra cui TAGANANA

Michele Puse che era venuto a trovarmi con sua moglie Simona nel mese di febbraio. E probabilmente al ritorno di Davide a Bari, i due avranno potuto confrontare le esperienze fatte a Tenerife dove hanno vissuto momenti simili, ma diversi. Anche con Davide per esempio siamo andati a rendere tributo al Padre Teide e poi a Masca, Punta Teno, Garachico, el Bollullo, Taganana, etc...


E in più siamo anche usciti a correre insieme un paio di giorni. Una volta per San Andrés con successivo bagno a Las Teresitas e un'altra volta dalla parte opposta del lungomare di Santa Cruz, ovvero dalla Plaza de España fino al Parque Marítimo di Santa Cruz.

Questo secondo "allenamento" è stato molto più rilassante perché abbiamo fatto delle soste ad esempio in coincidenza dell'Auditorio di Tenerife per dare un'occchiata ai murales realizzati da un artista polacco e tinerfegno d'adozione sui macigni del lungomare che raffigurano cantanti di fama nazionale ed internazionale o più avanti per vedere le riproduzioni con piastrelle dei cartelli del carnevale dagli anni '60 in avanti o ancora, verso la fine della nostra corsetta, per fare un giro nel Rastro.

L'ho anche portato in una delle mie librerie preferite di Santa Cruz, aperta anche la domenica e che RASTROSCRUZ

vende soprattutto libri usati in collaborazione con il mercato della capitale dell'isola. Evidentemente

ci siamo anche concessi una serata di quasi baldoria a La Laguna che si è conclusa nel Blues Bar

con un paio di partite a scacchi in cui l'ho praticamente massacrato ;)

A proposito, visto che so che è uno dei miei lettori più affezionati e che mi starà leggendo, lo ringrazio per la visita e lo invito ad allenarsi per prossime partite che spero siano da ora in avanti più ravvicinate nel tempo;)


A parte la visita di Davide e gli allenamenti per la prova di ieri, non ho fatto molto altro durante il 
MANOAJEDREZ

mese di aprile. Anche perché, come sempre, si è trattato di un periodo di lavoro intenso. Però, come

sempre mi godo le piccole cose come, ad esempio, qualche partita di Champions League o di Liga

vista in compagnia di qualche amico e con un paio di birre (a testa;) davanti.

È, in questo senso, il meglio sta per arrivare perché proprio domani cominciano le due avvincenti semifinali di quella che era la Coppa dei Campioni. Nel sorteggio al Madrid è toccato un durissimo derby contro l'Atletico Madrid mentre nell'altra semifinale la Juventus non dovrebbe avere problemi ad eliminare il Monaco ed a piazzarsi in tal modo nella finale di Cardiff.

Spero di sbagliarmi, ma credo che questo sia l'anno dell'Atletico, ma ormai staremo a vedere perché tutte le sorprese sono possibili. Nei quarti per esempio, poche persone avrebbero previsto che la Juve eliminasse così facilmente il Barca. Un po' meno sorprendente è stata, invece, l'eliminazione del Bayern da parte del Real Madrid in uno scontro vibrante e combattutissimo. Le due partite d'andata, tra l'altro, le ho viste a casa con Davide mentre sorseggiavamo dell'ottimo vino canario e mangiavamo papaya. E dopo la partita del Madrid siamo anche andati a bere un Arehucas cola e a mangiare una arepa sul lungomare di Santa Cruz.

È che sia chiaro che entrambe le cose, le abbiamo fatte solo perché il mio amico turista non le aveva ancora provate... così come il giorno dopo, quando prima di accompagnarlo all'aeroporto sud, ci siamo fatti una bella mangiata di pesce ;)


Anche per quanto riguarda la Liga, la situazione è alquanto appassionante, soprattutto dopo la vittoria LEAGUE

del Barca a Madrid nel Clásico di domenica scorsa. Ora, a sole tre giornate dalla fine del campionato,

le due squadre sono a pari punti, però sono convinto che il mio Madrid la spunterà anche perché ha

una partita in più da giocare.

E anche nel caso della Liga, le partite sono semplicemente un pretesto per riunirsi con gli amici. Non si tratta di una cosa seria, come lo sono, invece, le partite del Tenerife! ;)


Quando mancano sei giornate alla fine del campionato regolare, il Tete è quinto in classifica e si spera HELIODORO

che almeno sia in grado di mantenere questa posizione per potere così prendere parte ai playoff per

salire in prima divisione. Come vi avevo accennato nel blog precedente, ho sottoscritto un

abbonamento per lo stadio Heliodoro Rodríguez López e domenica mattina sarò nuovamente in curva

ad appoggiare la mia squadra locale.

Nel prossimo blog, spero di potervi dare buone notizie anche in questo senso.


A questo punto del blog, quelli di voi che mi leggono abitualmente staranno notando la mancanza di un paio di cose. Ebbene sì, anche in questo mese di aprile sono riuscito ad andare ad un concerto! ;)

Il primo giovedì del mese, sono, infatti, andato a bere una birra con alcuni amici presso il Museo de la Naturaleza y el Hombre a dieci minuti scarsi a piedi da casa dove tutti i giovedì di aprile e maggio si tiene il Natura Jazz, un festival di concerti e fotografia del mondo della natura giunto ormai alla sua quarta edizione. Si tratta di un'ottima occasione per ascoltare dell'ottimo jazz dal vivo e gratis in uno dei bei cortili del museo mentre su un maxi schermo si possono vedere delle fantastiche foto realizzate da fotografi locali. Nel mese di aprile ci sono andato solo una volta, ma conto di ripetere l'esperienza almeno una volta in questo mese che è appena cominciato.


Non a caso poco più in alto, scrivevo un paio di cose. La seconda è il cinema, quello del TEA e EVOLUTION

quello di casa ;) Come al solito, ho fatto la mia solita puntatina al Cinema/Museo dove, ahimé, ho

visto un film che né mi é piaciuto né ho capito... Pertanto, se qualcuno di voi avesse visto e

soprattutto capito ed apprezzato un film francese dal titolo Evolution che si faccia sentire ;)

A casa, invece, ho visto, tra gli altri, Truman, film MERAVIGLIOSO e commovente protagonizzato dal solito grande Riccardo Darín.
Un abbraccio a tutti e buona visione! (Fatemi caso... non ve ne pentirete)

Nico

 

:: Cipensoio ::, Powered by Joomla! Hosting by SiteGround