Developed in conjunction with Joomla extensions.

Ci Penso Io...!

COLABORAMOS

SITIOS AMIGOS

NOS APOYAN

Eventi

September 2021
M T W T F S S
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30

Counter

Today70
Month1461
All248932

Cerca


REGISTRO DE OBRAS

Addio a Marco Santagata l'intelletuale poliedrica per A. Casadei

Scrivere un Blog per salutare a un gentilissimo Professore e di una tristezza che solo trova A SANTAGATA 1

consolazione nel ricordo di una persona molto cara a tutti. Addio Prof. Santagata.

"Il primo aggettivo che sorge spontaneo, nel cercare di definire Marco Santagata, è senz'altro 

poliedrico.

Marco non si è mai voluto inserire nella schiera degli studiosi che separavano nettamente la loro attività di ricerca da quella legata alla didattica e più in generale alla ricaduta sociale dei propri lavori. 

Essendosi formato soprattutto nella fase dei grandi sconvolgimenti politici tra anni Sessanta e Settanta, ha sempre considerato l'accademia non una turris eburnea ma un luogo di confronto, spesso di battaglie, sempre all'insegna del rinnovamento e dell'apertura, mai della conservazione fine a sé stessa. Per questo ha aperto strade in territori inesplorati, non solo nell'ambito dell'italianistica.

Certo, il suo percorso dall'amatissima Zocca, dove era nato il 28 aprile 1947, al liceo "Muratori" di Modena e poi a Pisa, studente dell'Ateneo e della Scuola Normale Superiore, lo ha portato inizialmente a seguire linee di ricerca molto consolidate, tra Medioevo e Umanesimo.

I suoi primi studi, sulla lirica aragonese e in particolare sulla poesia napoletana del secondo Quattrocento, sfociarono in un solidissimo volume nel 1979, ma furono subito affiancati da altri legati a un modo di studiare Petrarca che funse poi da modello per tanti altri studi specialistici: il suo Dal sonetto al "Canzoniere" (Padova, Liviana, 1979) coniugò i risultati della ricerca filologica e stilistica con quelli del miglior strutturalismo, riuscendo a far cogliere con precisioni gli snodi compositivi che permisero a Petrarca di trasformare progressivamente una raccolta di testi in un macrotesto narrativo coeso e perfettamente bilanciato.

Marco in effetti ha fatto tesoro di molti tipi di approccio alle opere letterarie che venivano praticati a Pisa da maestri e compagni di strada, che fossero docenti illustri quali Mario Fubini, Augusto Campana e Gianfranco Contini, o altri di generazioni successive quali Luigi Blasucci o Francesco Orlando, oppure studiosi magari poco più anziani di lui, come Alfredo Stussi e Umberto Carpi. Ma ha poi trovato rapidamente la sua via, giungendo giovanissimo alla docenza, quasi sempre a Pisa salvo brevi periodi trascorsi a Venezia o Cagliari.

Dal 1984, poco tempo dopo il suo arrivo definitivo come ordinario, ha ricoperto l'incarico di Direttore dell'Istituto di letteratura italiana, allora collocato all'ultimo piano di Palazzo Ricci: lì si creò un ambiente ricchissimo di stimoli e di dibattiti, cui partecipavano attivamente le nuove leve, di cui anch'io facevo parte, e ricordo che si parlava a lungo fra noi studenti delle lezioni di Marco o degli altri docenti che seguivamo, ognuna delle quali risultava stilisticamente riconoscibile.

Tutti comunque aspettavamo il nuovo commento al Canzoniere petrarchesco che, preceduto da altri studi importanti (come I frammenti dell'anima, 1992), uscì per i "Meridiani" di Mondadori nel 1996. Si trattò della definitiva consacrazione dopo un cursus già allora costellato di risultati notevolissimi, fra insegnamenti all'estero (per esempio alla Sorbonne Nouvelle di Parigi, a Ginevra e poi ancora a Nancy, a Città del Messico ecc.), partecipazione a iniziative editoriali e nuove riviste scientifiche, vittorie di prestigiosi premi quali il "Luigi Russo" o il "Natalino Sapegno". Ma in quella stessa fase, tra anni Ottanta e Novanta, Marco ha maturato sempre più la convinzione che era necessario uscire dai confini accademici, innanzitutto per creare nuove opportunità specifiche per gli studi letterari, e inoltre per far arrivare al pubblico dei non specialisti le più recenti acquisizioni interpretative.

Ecco allora il grande progetto di fondare, assieme a numerosi colleghi di tutta Italia, la nuova Associazione degli Italianisti, nata formalmente l'11 maggio 1996 ma in realtà ideata già negli anni precedenti. Dopo il congresso costitutivo a Pisa, rievocato proprio da Santagata durante il XXIII, che si è tenuto di nuovo presso l'Ateneo pisano nel 2019, l'Associazione ha raccolto nel tempo l'adesione di un numero di ricercatori e docenti (pure delle scuole superiori) sempre crescente, segno della sua importanza e vitalità. Per numerosi anni nel ruolo di segretario nazionale, poi come membro del direttivo, Marco non ha mai fatto mancare i suoi suggerimenti e le sue indicazioni per individuare le strategie migliori da adottare sia negli orientamenti della ricerca, sia nelle scelte politiche.

A volte con brusca sincerità, ha sempre messo in evidenza i problemi sul tappeto, senza nascondere le manchevolezze dei vecchi programmi didattici o quelle delle risorse destinate specificamente al sostegno e alla diffusione della lingua e della letteratura italiana.

E proprio in questo ambito, grazie a un lungo lavoro di preparazione in sinergia con il Ministero allora della Pubblica Istruzione e con quello degli Esteri, nacquero alcuni dei progetti più innovativi sostenuti da Santagata, come quello (a partire dal 1995) per la creazione di una Biblioteca italiana telematica, per rendere consultabile online il patrimonio di tutta la nostra letteratura, o quello di Italica, campus virtuale legato a RAI-International. E si giunse poi, ufficialmente dal 1999, alla creazione del Consorzio interuniversitario Italian Culture on the Net (ICoN), cui aderirono oltre venti atenei italiani e che produsse la prima laurea triennale interamente telematica, pensata per cittadini non italiani o residenti all'estero.

Ricordo ancora il clima di entusiasmo che accompagnò l'avvio del Corso in Lingua e cultura italiana per stranieri, frutto di una stagione forse irripetibile e che ancora molto può insegnare sulle potenzialità dell'e-learning, purtroppo poco sfruttate o addirittura osteggiate anche adesso. Ma intanto, attraverso ICoN, centinaia di studenti in oltre sessanta Nazioni hanno ricevuto una laurea italiana, in virtù di uno studio qualificato e sempre perfettamente certificato; ma pure tanti altri progetti didattici e di aggiornamento di docenti di italiano all'estero sono stati e sono ancora realizzati attraverso il portale italicon.

Ricordo cosa mi disse Marco, quando nel 2001 mi chiamò per collaborare, senza voli retorici e invece con una concreta valutazione delle ricadute sociali e anche economiche che potevano derivare da una scommessa come quella.

Le difficoltà sono state tante, ma la scommessa si può adesso considerare vinta, così come altre per le quali abbiamo lavorato fianco a fianco. Una riguardava un manuale per le scuole superiori, intitolato nella prima versione Il filo rosso, uscito per l'editore Laterza anche a nome di Laura Carotti e Mirko Tavoni, da sempre vicinissimi a Marco.

La sua proposta per la didattica era forte e forse il sistema scolastico non colse sino in fondo tutte le sue potenzialità; in ogni caso, Marco scrisse per quell'antologia alcune ottime analisi di grandi testi dalle Origini all'Ottocento, nelle quali metteva in pratica i suoi criteri riguardo alla buona divulgazione, già applicati per esempio a Leopardi. Tra anni Novanta del XX secolo e primo decennio del XXI, uscirono anche vari suoi volumi scientifici, sempre portatori di tesi innovative: riguardavano ancora Petrarca e Leopardi, ma pure Foscolo, Pascoli, d'Annunzio, e poi, soprattutto, Dante.

Infatti, mentre faceva fronte a ulteriori impegni universitari e istituzionali, che fra l'altro contribuirono a fargli conferire nel 2002 l'Ordine del Cherubino del nostro Ateneo, Marco si è appassionato allo studio della vita e dell'opera del nostro massimo poeta, facendo tesoro degli studi di Carpi usciti nel 2004. Ecco allora uno studio fondamentale come L'io e il mondo.

Un'interpretazione di Dante (Bologna, il Mulino, 2011), seguito dalla fortunatissima biografia Dante. Il romanzo della sua vita (Milano, Mondadori, 2012), che ha raggiunto un pubblico davvero ampio, grazie anche all'uso molto accorto e innovativo dei social, e che è poi stata tradotta in varie lingue straniere. Il Dante di Marco è ricco di contraddizioni, impegnato quasi giornalmente in una lotta politica che lascia numerose tracce nelle sue opere, a leggerle in filigrana. È un Dante un po' pisano, visto che per Enrico VII avrebbe scritto e poi ultimato, forse proprio a Pisa, la Monarchia. In ogni caso, un Dante fuori degli stereotipi, persino quelli derivati dalla lezione di grandi interpreti come Auerbach o Singleton.

 La passione dantesca è proseguita per vari anni, concretizzandosi fra l'altro nella direzione dei Meridiani mondadoriani dedicati alle Opere cosiddette minori (due volumi, 2011-2014), e si è connessa strettamente alla seconda attività letteraria di Marco, quella di narratore in proprio, che lo ha condotto a ottenere prestigiosi riconoscimenti, prima con Il Maestro dei santi pallidi, premio SuperCampiello nel 2003; poi, con l'inserimento nella Cinquina del Premio Strega nel 2015. In questo caso il romanzo era Come donna innamorata, in cui veniva indagata la vita di Dante prima dell'esilio e in particolare il suo rapporto con Guido Cavalcanti. È giusto segnalare le connessioni perché Marco ha più volte dichiarato di riuscire a manifestare molte delle sue idee sui grandi autori tanto con le analisi testuali e critiche, quanto con le sue ricostruzioni narrative. Forse, come capita a chi per molti anni si concentra su un'opera, anche lui sentiva che spesso l'essenziale sfugge a chi si limita a mettere in ordine rigoroso i dati disponibili, e per questo è necessario a volte fare ipotesi 'fuori sacco': ma l'uscire dai pregiudizi e dagli schematismi è stata sempre una prerogativa di Marco.

La narrativa gli serviva pure per ricomporre la sua personale biografia, attraversando vari periodi della storia d'Italia, per esempio in Papà non era comunista (1996) o in Voglio una vita come la mia (2008): rievocazioni spesso ironiche, a volte persino dissacranti, di luoghi comuni sulla politica italiana del secondo dopoguerra e sul 'mitico' Sessantotto. In questi testi si percepisce anche il lato più oscuro di Marco, quello che lo portava a scherzare sulle amarezze e sulla morte: un testo drammatico quale Il movente è sconosciuto (2018) ci dice molto sul pessimismo nascosto sotto una scorza apparentemente coriacea e ironica. Da romagnolo, capisco bene questo sentimento di un emiliano doc quale lui era.

Ma sino all'ultimo Marco ha continuato a proporre nuove interpretazioni, per esempio ancora di Petrarca, cui ha dedicato un'altra narrazione biografica, L'amoroso pensiero (2014), nonché un delicato racconto lungo, Il copista, la cui edizione rinnovata è proprio del 2020. Nel 2019 si era anche avvicinato a Boccaccio, con studi critici ma ancora una volta pure con un saggio in forma di biografia, uscita con il significativo sottotitolo di Fragilità di un genio.

E forse proprio con la nota della fragilità, che a volte traspariva dietro le battute e le risate in apparenza piene e convinte di Marco, possiamo chiudere questo già lungo e però troppo breve discorso in ricordo di un maestro e di un amico, che certo non c'è più, eppure rimarrà sempre con noi.

Alberto Casadei
Docente di Letteratura italiana dell'Università di Pisa
(De: https://www.unipi.it/index.php/news/item/19432-addio-a-marco-santagata)

 

"Italiani emigrati all'estero": la mobilità intellettuale-economica...fuga dei cervelli, a cura di S.Gianfaldoni

Stavolta vi offriamo una pubblicazione fatte da sito de la UniPi: www.unipi.it e  la Versione Spagnola

"Il volume "Italiani emigrati all'estero. Progettualità, rotte, adattamento e rientro in patria", edito dalla Pisa University Press, raccoglie i risultati di una ricerca coordinata dal Centro Interdipartimentale per l'aggiornamento, la formazione e la ricerca educativa (CAFRE) dell'Università di Pisa.

Il progetto "ItE Italiani Emigrati all'estero", durato diciotto mesi, è stato ideato e coordinato  A italiani emigrati

da Serena Gianfaldoni, docente di Gestione delle risorse umane, sostenuta nella conduzione della

ricerca da un team multidisciplinare composto da oltre 170 persone fra esperti, docenti universitari

di numerosi atenei italiani, 50 manager e 50 studenti dell'Università di Pisa, la maggior parte dei

quali segue il corso di laurea in Ingegneria gestionale.

Il progetto ha previsto una fase di elaborazione statistica con la raccolta di 800 questionari e l'analisi di 34.000 dati, utili per offrire un quadro del migrante-tipo: i push factor che spingono ad emigrare; i pull factor che attraggono verso l'estero; le principali rotte; le problematiche nella fase di adeguamento; le strategie professionali; la rete di relazioni e il senso di appartenenza; i legami con la madre patria e l'eventuale rientro in Italia.

Nella fase di analisi qualitativa il fenomeno degli Italiani all'estero è stato invece analizzato nella sua complessità, con il

contributo di qualificati esperti, da una prospettiva demografica, storica, filosofica, letteraria, economica, sociale, formativa.

I risultati della ricerca ItE sono stati raccolti in un cospicuo testo (oltre 800 pagine) edito dalla Pisa University Press e stampato con i contributi offerti dall'Ateneo per progetti speciali per la didattica 2019-20.

Nel testo "Italiani emigrati all'estero. Progettualità, rotte, adattamento e rientro in patria" compaiono anche alcune preziose strategie elaborate concordemente da manager, dirigenti e studenti coinvolti nel progetto per sostenere il sistema paese, favorendo da una parte la mobilità e la brain circulation, ma al tempo stesso gestendo il fenomeno e mitigando la cosiddetta "fuga dei cervelli". Corredano il testo anche numerose storie di migrazione che testimoniano la persistenza e l'evoluzione di un fenomeno che continua a interessare numerosi Italiani talentuosi.

Secondo la coordinatrice Serena Gianfaldoni, "bisogna distinguere il fenomeno della mobilità che  A VION

spinge molti Italiani a cercare nuove strade, percorsi professionali e opportunità all'estero, da quello

che viene chiamato brain drain, fuga dei cervelli, legato a una dispersione dell'investimento

formativo.

Il nostro progetto di ricerca ha investigato per mesi, col supporto di qualificati esperti e l'analisi statistica un fenomeno chiaramente complesso. In riferimento alla migrazione giovanile, se da una parte si mostra necessario stimolare i giovani a viaggiare, provare esperienze internazionali, indispensabili per completare il percorso formativo, dall'altra parte è necessario però sostenere coloro che vorrebbero rimanere in Italia e fanno molta fatica a trovare una piena realizzazione.

Da quanto è emerso, il nostro sistema paese dovrebbe migliorare l'offerta lavorativa per i giovani Italiani, laureati o diplomati, non solo nelle aree umanistiche. Dai dati raccolti, i giovani che emigrano non sembrano scappare dall'Italia, dalla cultura italiana, dalla rete di relazioni amicali o familiari intessute.

Al contrario, risulta molto apprezzato lo stile di vita italiano. I nostri punti di forza però, non sembrano bastare. Dal campione che abbiamo esaminato viene troppo spesso lamentata la precarietà del lavoro, la difficoltà di fare carriera, uno scarso riconoscimento del valore e del talento, l'assenza di meritocrazia, una scarsa capacità attrattiva, una forma di immobilismo che ingessa l'Italia e il mercato del lavoro.

Al contrario, all'estero, gli emigrati italiani sembrano trovare spazio per realizzare compiutamente il proprio percorso professionale, pur dovendo affrontare evidenti problematiche e una fase di adattamento che, indubbiamente, forma a una mentalità globale.

Se risulta, infatti, che da una parte gli ambienti di lavoro all'estero risultano più stressanti e , A.studio Italia

competitivi, risulta anche che all'estero sia più facile vedere riconosciute le proprie abilità, fare

carriera, ottenere maggiori riconoscimenti economici e premi per giovani qualificati, oltre alla

possibilità di lavorare nel settore disciplinare per il quale sono stati dedicati gli anni e le energie del

periodo formativo.

In ogni caso emerge che i nostri giovani sono ben considerati dal punto di vista della formazione, altamente qualificati per le posizioni offerte, capaci di portare valore e farsi apprezzare in ambiti professionali competitivi".

Sul tema è intervenuto il professor Michele Lanzetta, direttore del CAFRE. "Il Progetto ItE - ha detto - mostra chiaramente l'urgenza di strategie coraggiose rivolte ai giovani e concordate fra università, aziende, istituzioni. Tra i punti di forza delle nostre iniziative è il coinvolgimento degli studenti nella progettazione, la formazione dei docenti e l'internazionalizzazione, strategie utili a migliorare il sistema paese".

Per maggiori informazioni e per guardare il video integrale della presentazione:
http://www-cafre.unipi.it/2020/10/convegno-italiani-emigrati-allestero.html

La Cura delle piccole cose per Fiorella Nicosia e Caterina Monasta

Stavolta vi presentiamo un articolo pubblicato lo scorso 14 nella web del Palazzo Strozzi:

Cosa significa prendersi cura delle opere di un artista che sono state affidate alla quotidiana attenzione di chi lavora in un centro espositivo come Palazzo Strozzi?

VERSIONE SPAGNOLA

"Si tratta di una manutenzione quotidiana che diventa quasi una partecipazione a un environment e una relazione diretta e

privilegiata con l'arte, e, nel caso della mostra Tomás Saraceno. Aria, anche con altre disciplineA RAÑA Saraceno Strozzi

come la scienza, la tecnologia, l'architettura e la biologia. Sono piccoli gesti che quotidianamente

ripetiamo nella nostra relazione con la mostra, per riparare, ricostruire, pulire e persino nutrire ogni

singola opera.

Prendersi cura delle opere di Tomás significa sentirsi parte di esse, viverle piuttosto che osservarle, immergersi in un sistema di equilibrio che si instaura tra noi esseri umani e gli elementi naturali e fisici che le caratterizzano, come frequenze sonore, raggi laser, aria, polvere, gas, inchiostro, fili di ragnatele, organismi vegetali e piante, come le meravigliose tillandsie, e animaletti, quali la piccola araña che vive all'interno di Particular Matter(s).

Ciò che più di ogni altra cosa abbiamo imparato dalle idee di Tomás, applicate visivamente alle sue opere, è che il nostro

mondo fisico è fatto di tanti piccoli organismi, di elementi microscopici e separati. Su piccola scala, per dirla con Carlo Rovelli,

"tutto è granulare", non c'è continuità ma granularità, in una rete di interazioni che è importantissima. A TOmaSaraceno hall

Ogni opera della mostra, pertanto, è un mondo a sé, un sistema autonomo fatto di singoli elementi

che riflettono la propria complessità nella materia, nella relazione con gli altri e nel loro

funzionamento. Così ogni singolo elemento di ogni singola opera che compone la mostra ha

necessità di essere curato per apparire poi come un tutto armonico e coerente.

Nella sala dedicata a How to Entangle the Universe in a Spider/Web?, la manutenzione avviene dal "dietro le quinte", entrando in uno spazio nascosto al pubblico, attraverso una porta nera ricoperta di tessuto morbido: un piccolo ambiente in cui sono allestite le 3 spider frames.

Queste architetture affascinanti e labirintiche, costruite da numerosi ragni, vengono illuminate da un A SARRACENO 2

raggio laser che si muove in senso orizzontale su un binario. Il movimento del laser di natura

meccanica ed elettrica ha bisogno di essere talvolta da noi accompagnato, controllato, aiutato nel

suo funzionamento. Per noi restare in quella saletta buia e segreta in compagnia di quelle ragnatele

maestose e silenziose possiede un fascino particolare di quiete e intimità.

Particular Matter(s) Jam Session è costituito da una lunga pedana in mezzo a vari elementi tecnologici come una lampada alogena, una videocamera, una cassa acustica e dei piccoli sensori, all'interno di una ragnatela, vive un piccolo ragno femmina, che abbiamo battezzato Arianna, e che rappresenta per noi la stabilità, la resistenza, la tenacia e la continuità.

Questa "ragnetta" ha vissuto nella ragnatela – tessuta in precedenza nello studio di Tomás da altri ragni – dall'inaugurazione

della mostra in febbraio, attraversando illesa persino due mesi e mezzo di chiusura della mostra per il lockdown.

È rimasta lì, al buio, senza nemmeno l'acqua quotidiana che spruzziamo per idratarla. Si è adattata, A RIA TS STROZZI

non si è spostata se non di pochi centimetri per mangiare o muoversi. Non è così comune che un

ragno viva tanto a lungo e da solo nella stessa ragnatela (che non è neanche la propria). Tomás

l'aveva inserita in febbraio l'ultima domenica dell'allestimento, senza dirlo a nessuno, e lì è rimasta

e c'è ancora. Arianna, l'araña.

Muoversi tra i proiettori e le sfere gonfiabili di A Thermodynamic Imaginary è come immergersi in un ambiente sospeso nel tempo e nello spazio, alla ricerca delle sculture in vetro e specchi da accudire e spolverare, così come in Connectome, l'altra installazione aerea della prima sala della mostra. Anche altre opere hanno necessità di essere "spolverate", ma la nostra sensazione è sempre quella di togliere qualcosa di importante che per l'artista andrebbe valorizzato e reso visibile, ossia la polvere, oggetto di tante sue opere e speculazioni sull'Universo.

Ogni pianta dei Flying Gardens occupa uno spazio proprio all'interno di sfere di vetro composte in sculture "volanti".

Nella sala luminosissima nulla tocca il pavimento, se non i piedi delle persone che la attraversano. A Tomasarraceno PIANTE

Per raggiungere le tillandsie da innaffiare – ogni due giorni con acqua rigorosamente potabile –

dobbiamo sporgerci, salire su scale, sollevarci sulla punta dei piedi e ci sembra quasi di entrare in

uno spazio vivo e magico, un giardino fluttuante e galleggiante, in una relazione anche fisica con

ciascuna pianta che viene raccolta tra le mani per essere annaffiata.

Particolarmente affascinante è la sala finale della mostra: Aerographies. Anche qui le opere hanno una vita propria, soprattutto per il movimento dei palloncini gonfiati a elio che si spostano, volando sulla carta e lasciando tracce di penna e disegni aggrovigliati.

I grandi fogli bianchi, di tre misure diverse, sono stati da noi tagliati, srotolati, arrotolati e sostituiti numerose volte durante la mostra, seguendo un rigoroso calendario che lo studio dell'artista ci ha fornito, al fine di archiviare ciascun disegno con un numero di inventario prestabilito.

Le penne si consumano, i palloncini si sgonfiano, la polvere arriva sui fogli e sulle cornici sul  A FOGLIE TS

pavimento, i pesi sulle penne vanno calibrati. È un lavoro costante e quotidiano che va fatto con

cura, sempre pensando a far prevalere la leggerezza, il fascino, la poesia e il senso artistico

profondo che quest' opera possiede per tutti. Essere dietro le quinte di tutto ciò è davvero un

privilegio. "

Dahttps://www.palazzostrozzi.org/la-cura-delle-piccole-cose/?mc_cid=99dbe8da9d&mc_eid=0ffb47e207

(Fotos: Tomadas del Google sobre la muestra del Palazzo Strozzi: "Aria", Tomás Sarraceno Firenze 2020; traducción por la Redacción con apoyo de Google traductor).

 

:: Cipensoio ::, Powered by Joomla! Hosting by SiteGround

INFO


Blog Ci penso io: ponte di Cultura, Comunicazione e Commercio fra la Toscana e le Canarie. Idea originale di S. Garro

Registro de Obras Nº:

610144366 (Todos los derechos Reservados)


CONTACTO


Sede Legale:

Via F. Dal Borgo 3, 56125 Pisa (Italia)

Mail:

info@cipensoio.es

SOCIAL


Facebook

Instagram

Twitter

Instagram

Pinterest

LinkedIn

Tumbrl

Icons made by Freepik from www.flaticon.com