Developed in conjunction with Joomla extensions.

Ci Penso Io...!

COLABORAMOS

SITIOS AMIGOS

NOS APOYAN

Eventi

February 2021
M T W T F S S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28

Counter

Today93
Month1793
All233114

Cerca


REGISTRO DE OBRAS

Frammenti di Pisa etrusca...per Giuletta Guerini

Un interessante pubblicazione della ETS per una ricerca sugli Etruschi a Pisa, presentata per la SNS News, che speriamo

vi piacia: VERSIONE SPAGNOLA

"Esce per la collana MOUSAI - Laboratorio di Archeologia e Storia delle Arti, Edizioni ETSA SNS ETRUSCA

diretta dal Prof. Stefano Bruni, il volume "Pisa Etrusca in età classica". I materiali dello scavo

di Via Sant'Apollonia a firma di Giulietta Guerini, allieva del corso ordinario (Storia dell'arte

e Archeologia) della Classe di Lettere e Filosofia.

Nel volume si presentano i risultati dello studio di parte dei materiali ceramici provenienti dallo scavo di via Sant'Apollonia,

effettuato nel 1994 in vista della costruzione del Collegio Fermi dall'allora Laboratorio di Topografia Storico-

Archeologica del Mondo Antico della Scuola Normale Superiore, diretto dal Prof. Giuseppe Nenci, sotto la

direzione dell'ex Soprintendenza Archeologia della Toscana.

Tale scavo, per la posizione dell'area indagata e l'entità dei rinvenimenti, costituisce un momento  A LAPERA PISA

significativo per l'archeologia urbana pisana e per la riscoperta del passato etrusco della città.

Il presente studio ne offre un riesame relativamente alla fase di età classica - periodo per il quale

minori sono i dati noti provenienti dagli scavi urbani e più difficile appare ricostuirne fisionomia e

assetto urbano- corredato dalla prima pubblicazione integrale dei materiali provenienti dagli strati inerenti. Il vasto repertorio

ceramico dal contesto di via Sant'Apollonia amplia i dati noti per quanto riguarda produzioni e consumi nella Pisa etrusca di

età classica. A etruschi caracciolo

La ricerca è stata supervisionata dai Professori Gianfranco Adornato (SNS) e Lisa Rosselli (Università

di Pisa), lo studio dei materiali è stato condotto presso il Laboratorio di Storia Archeologia Epigrafia

e Tradizione dell'Antico, all'epoca diretto dal Prof. Andrea Giardina.

La pubblicazione del volume è stata patrocinata dal Laboratorio SAET, oggi diretto dalla Prof.ssa Anna

Magnetto, e dalla Scuola Normale Superiore e resa possibile grazie al permesso di studio ed edizione dei

materiali concesso dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Pisa e Livorno

Alla giovane allieva, infine, è stato dato l'incarico di redigere il secondo volume del catalogo degli  A specchi etruschi

specchi etruschi del British Museum per la prestigiosa serie Corpus Speculorum Etruscorum.

(De: sns news. 16 febbraio 2021).

Fotos: Google. Traduzione per la Redazione del Blog

 

Riaprite il Teatro Rossi Aperto!

Vi presentiamo un problema successo circa tre settimane fa a Pisa. Il "Teatro Rossi Aperto", iniziativa che portava avanti

diverse attivita'culturale aperti a tutti e tutte, ha stato chiuso. A TRA 3

Serve urgentemente la partecipazione di tutte e tutti per chiedere la sua riapertura, con una firma.

Per il momento, pubblichiamo questo articolo tratto dal Fb del TRA y la VERSIONE SPAGNOLA:

"Dopo 8 anni, 3 mesi e 24 giorni il Teatro Rossi Aperto è chiuso. È stato chiuso.

Questi otto anni avevano interrotto un abbandono e una chiusura lunghi 60 anni.

Le porte di ingresso sono state blindate con pannelli di acciaio e lucchetti, in una anonima e fredda mattina: 20 gennaio

dell'anno pandemico 2021. Apprendiamo dai giornali che il Demanio, con questa blindatura a tempo indeterminato,

"ripristina la legalità". A TRA 1

Dal 2012 ad oggi il Teatro Rossi Aperto ha ospitato oltre 600 eventi tra spettacoli teatrali,

concerti, danze, proiezioni cinematografiche, presentazioni di libri, installazioni, mostre,

manifestazioni di beneficenza, assemblee di promozione sociale, spettacoli per le

scuole, festival di varie discipline, laboratori attoriali e di vario altro genere, e tanto altro

ancora.

Il teatro si è fatto ospite, in continua metamorfosi, di temi che hanno trovato una precisa declinazione culturale: diritti civili,

diritti sociali, migrazioni, disuguaglianze, funzione pubblica dell'arte e della bellezza hanno avuto uno spazio di

rappresentazione e narrazione per tante soggettività. Queste attività sono state possibili grazie all'impegno e alla passione

della cittadinanza attiva.

L'esperienza dapprima dell'assemblea di gestione del Teatro Rossi Aperto, poi dell'associazione,  A TRA 5

infine dell'Assemblea Costituente, ha dato un palcoscenico alla cultura e all'arte, all'impegno di

realtà emergenti come di realtà affermate, alle iniziative animate da tutta la città e aperte a tutta la

città.

Un teatro, a Pisa, che ha tenuto dentro tanti pezzi di mondo, che ha parlato tante lingue, compresa quella di un dialogo

aperto con le istituzioni. Di illegale, in questo, non vediamo nulla.

Vediamo invece il ruolo di supplenza che abbiamo svolto, volenti o nolenti, per otto anni come  A TRA 2

Associazione, e negli ultimi 3 mesi come Assemblea Costituente che vede impegnate diverse realtà

cittadine con la ferma volontà di far vivere il teatro.

Continuiamo a svolgere il compito di non cedere alla frammentazione sociale, a continuare a

ritessere le fila della solidarietà, a rispondere al bisogno politico di fare cultura collettivamente e

pubblicamente - come l'acqua, come l'aria. Un po' di possibile per non soffocare.

Ma il possibile non viene da sé, e se da parte delle istituzioni ci si aspetta che con la fine dell'emergenza sanitaria

magicamente si tornerà a una normalità che era di per sé un problema, non si è forse compreso quanto profonda sia la crisi

che stiamo attraversando. Quanto sarà lunga l'onda dello tsunami che investe oggi tutto il settore della cultura e dello

spettacolo. A TRA 4

Chiudere il Rossi è un attacco alla collettività, ma è anche il frutto di una grave mancanza di visione

politica che rinvia a domani ciò che andava fatto ieri.

In questi anni, Pisa si è innamorata di questo teatro. Anzi, sarebbe riduttivo fermarsi alla sola Pisa.

Dopo l'amara meraviglia che quella blindatura suscita, ci sentiamo di lanciare un appello."

(Da: https://riapriteilteatrorossi.it/?fbclid=IwAR2QM3antkstmBmbeWEANsWVNPO05hHutThH8oIY3lZVJ_4fhAn6_vDdXX4)

NdR: sottolineato per la Redazione del Blog. Foto:  Google

 

L'enigma dei Papiri di Ercolano, per la UniPi

La nostra conoscenza delle scuole filosofiche greche è in gran parte basata sulle "Vite dei filosofi" di Diogene Laerzio

A GADARA

(III secolo d.C.). VERSIONE SPAGNOLA 

Tra le fonti a cui quest'opera attinge figura la monumentale "Rassegna dei filosofi" del filosofo

epicureo Filodemo di Gadara (110-post 40 a.C.), scritta alla fine dell'età ellenistica tra il 75 e il

50 a.C.

Da questo trattato, trasmesso dai papiri carbonizzati di Ercolano, è possibile ricavare un

resoconto sistematico della storia delle scuole filosofiche greche storicamente più attendibile e 

cronologicamente più vicino alle figure e ai fatti narrati.

I manoscritti originali, sopravvissuti grazie all'eruzione del Vesuvio del 79 d.C. e conservati a Napoli presso l'Officina dei Papiri Ercolanesi della Biblioteca Nazionale 'Vittorio Emanuele III', sono di difficile lettura e le edizioni attualmente

disponibili delle opere in essi contenute sono ampiamente superate.

Basandosi sui progressi più recenti della ricerca, il nuovo progetto GreekSchools dello European A Villa Papiri Ercolano

Research Council coordinato da Graziano Ranocchia, docente del Dipartimento di Filologia

Letteratura e Linguistica dell'Università di Pisa, in cooperazione con il CNR-ISPC, il CNR-ILC e

il MiBACT-Biblioteca Nazionale di Napoli, si prefigge di testare le più avanzate tecnologie

oggi a disposizione per la decifrazione di questi preziosi manoscritti.

In particolare, personale del CNR-ISPC e della Biblioteca Nazionale, facendo uso di laboratori mobili della piattaforma

MOLAB appartenente all'infrastruttura di ricerca europea E-RIHS, applicherà tecniche non invasive a papiri opistografi e

stratificati al fine di leggere il testo inaccessibile sul verso o nascosto all'interno di strati multipli. A Lettura papiri

Combinando queste tecniche d'indagine con i metodi propri della filologia e della papirologia i

docenti e i ricercatori del Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell'Università

di Pisa produrranno un testo critico affidabile e accresciuto della "Rassegna dei filosofi" di

Filodemo attraverso un nuovo sistema editoriale.

Infine, personale del CNR-ILC svilupperà un ambiente innovativo orientato alla filologia computazionale, web-based, open

access, open source e supportato da tecniche avanzate di analisi automatica del testo, finalizzato alla produzione

collaborativa e conservazione a lungo termine, l'indicizzazione multidimensionale, la pubblicazione digitale e la fruizione

intelligente dell'edizione.

Il progetto, della durata di cinque anni e del valore di quasi 2.500.000 euro, si svolgerà prevalentemente a Napoli presso l'Officina dei Papiri della Biblioteca Nazionale e sarà ospitato nella sede partenopea del CNR-ISPC nei locali messi a disposizione dall'Università Suor Orsola Benincasa.

Le discipline coinvolte saranno la papirologia e la paleografia, la filologia classica e la storia della A Papiri Ercolano

filosofia antica, la fisica e la chimica, la linguistica computazionale e il settore trasversale

delle Digital Humanities.

Dalla nuova edizione si attendono importanti ricadute in vari ambiti delle scienze dell'antichità e dello studio del patrimonio culturale.

(De: https://www.unipi.it/index.php/news/item/19890-le-tecniche-avanzate-svelano-l-enigma-dei-papiri-di-ercolano )

Fotos: Google; adaptación por la Redacción del Blog).

Work in progress!

:: Cipensoio ::, Powered by Joomla! Hosting by SiteGround