Developed in conjunction with Joomla extensions.

Ci Penso Io...!

COLABORAMOS

SITIOS AMIGOS

NOS APOYAN

Eventi

May 2021
M T W T F S S
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

Counter

Today47
Month1517
All239913

Cerca


REGISTRO DE OBRAS

"San Sisto Project"

Il San Sisto Project organizzato per il Prof. Federico Cantini ha iniziato la seconda fase degli scavi a San Sisto:

"Ancora pochi giorni e nel giardino della chiesa di San Sisto, fondata nel 1087 e situata in pieno centro A san sisto chieasa

storico a Pisa, torneranno a scavare i ricercatori e gli studenti dell'Università di Pisa.

Sta infatti per avere inizio la seconda fase del "San Sisto Project", il progetto di ricerca archeologica

che indagherà una delle aree storicamente più interessanti della città nell'ambito di un progetto

triennale promosso dal Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere.

L'attività offre a circa sessanta studenti dell'Ateneo pisano la possibilità di mettere in pratica le conoscenze teoriche acquisite

durante i corsi, cimentandosi nello scavo, nella documentazione sul campo, nel rilievo topografico, nel disegno, nella

fotografia tecnica e nello studio dei reperti ceramici e antropologici. A Ceramica scavi SanSisto

Il progetto si avvale di un nutrito gruppo di ricerca interdisciplinare, diretto da Federico Cantini

(professore di Archeologia medievale), che coinvolge specialisti provenienti da diversi dipartimenti

dell'Università di Pisa (Riccardo Belcari, Monica Bini, Simone Collavini, Antonio Fornaciari,

Mauro Ronzani, Emanuele Taccola, Chiara Tarantino) e dal CNR (Simona Raneri).

La rilevanza di quest'area è stata confermata dalla prima campagna di scavo, che si è svolta nel

settembre 2020 e che ha consentito di ricostruire la storia dell'area dal XII-XIII secolo fino ai

giorni nostri: a Sud della chiesa, lo scavo ha messo in luce i resti di una struttura coperta, che può essere identificata con un

lato del chiostro, attestato anche nei documenti storici.

In adiacenza all'edificio religioso sono state individuate anche tombe a cassone, che probabilmente A SANSISTO P

costituiscono le sepolture privilegiate di personaggi di spicco nella comunità cittadina. Il chiostro

sembra vivere fino alla fine del XIV secolo, periodo durante il quale il suo lato settentrionale

accoglie ulteriori sepolture, questa volta realizzate nella nuda terra.

Nel XV secolo il chiostro viene distrutto, forse a seguito della conquista fiorentina, e l'area a Sud della chiesa sembra

divenire uno spazio aperto, probabilmente adibito ad orto fino al XVIII secolo.

I risultati della prima campagna di scavo archeologico nel giardino della chiesa di San Sisto, che si è Ay federico cantini

svolta a settembre dello scorso anno, saranno raccontati in un evento in diretta streaming giovedì

13 maggio a partire dalle ore 17:00 da Federico Cantini (direttore dello scavo), Riccardo

BelcariEmanuele Taccola e Chiara Tarantino. L'iniziativa si concluderà con il video-

documentario girato durante gli scavi da Alessio Sbrana (Cidic - Centro per l'innovazione e la

Diffusione della Cultura dell'Università di Pisa).

La videoconferenza sarà trasmessa sul canale YouTube dell'Università di Pisa

De: https://www.unipi.it/index.php/news/item/21010-al-via-la-seconda-campagna-di-scavo-archeologico-nel-giardino-della-chiesa-di-san-sisto

work in progress!

Origine delle galassie: la Nasa seleziona il progetto della Normale

Una notizia importante della Scuola Normale Superiore di Pisa: VERSIONE SPAGNOLAA JAMESW

"James Webb, il più grande telescopio spaziale mai realizzato, sarà lanciato il 31 ottobre dallo

spazioporto europeo di Kourou, nella Guyana Francese. L'esperimento presentato dal gruppo di

Cosmologia guidato da Andrea Ferrara studierà la formazione ed evoluzione delle prime galassie

distanti circa 13 miliardi di anni luce dalla Terra.

È tra i 286 prescelti a livello internazionale, e la Scuola Normale è l'unico ente di ricerca italiano tra i 77 selezionati nel settore "Galaxies".

Pisa, 7 aprile 2021, de Normale News (normalenews.sns.it)

La Nasa ha selezionato un esperimento scientifico presentato dal Gruppo di Cosmologia della Scuola Normale Superiore per l'osservazione delle prime galassie formatesi subito dopo il Big Bang. Il progetto di ricerca entra così nel programma scientifico internazionale allestito per il primo ciclo di vita del telescopio spaziale James Webb, il più grande mai realizzato, che intende svelare ulteriori segreti sull'origine dell'universo.

Dotato di capacità di imaging superiore e spettroscopia ad alta risoluzione, James Webb amplierà  A BING BANG

le scoperte avviate dal telescopio Hubble, di cui è considerato il successore, e sarà lanciato in orbita

solare il 31 ottobre 2021 dalla località di Kaurou, nella Guyana Francese, sulla costa nord-orientale

del Sudamerica. Inizierà a osservare l'universo dal maggio 2022, dopo che la navicella spaziale avrà

viaggiato per più di un milione di chilometri e verificato il funzionamento di tutta la propria strumentazione.

Per quella che viene considerata una tappa fondamentale della nostra comprensione del cosmo e dell'inizio della vita, la

collaborazione tra NASA, Agenzia Spaziale Europea (ESA) e Agenzia spaziale canadese (CSA) ha chiamato la comunità

scientifica internazionale a presentare progetti scientifici finalizzati a far luce sull'origine dell'universo, mettendo a 

disposizione 6.000 ore di osservazione, il primo ciclo di "lavoro" del telescopio, riguardanti 8 settori di ricerca.

Oltre 1.000 sono state le proposte arrivate entro il 24 novembre scorso da scienziati provenienti da 44 paesi.

L'esperimento presentato dal Gruppo di Cosmologia della Normale ("Galaxy assembly at z > 6: unraveling the origin of the

spatial offset between the UV and FIR emission"), il cui Principal Investigator è il ricercatore della Scuola Stefano Carniani, è

risultato tra i 286 prescelti. La Scuola Normale è l'unico centro di ricerca italiano che ha un progetto a sua guida tra i 77

selezionati nella sezione GalaxiesA HUBBLE

Il progetto dei cosmologi della Normale si concentra in particolare sullo studio della formazione ed

evoluzione delle prime galassie, distanti circa 13 miliardi di anni luce dalla Terra, e avrà in dote 21,3

ore di osservazione. Riceverà personale specifico di supporto da parte della collaborazione

internazionale, oltre che un budget di prossima assegnazione. Del Gruppo di ricerca di Cosmologia è

responsabile Andrea Ferrara, e ne fanno parte, oltre a Carniani, Simona Gallerani, Andrea Pallottini,

Livia Vallini, Evangelia Ntormousi, Mahsa Kohandel.

"I telescopi attualmente a nostra disposizione hanno permesso solo un primo superficiale studio delle caratteristiche delle

prime galassie – spiega Carniani. James Webb Space Telescope rivoluzionerà il campo permettendoA SPAZIOSIDERAL

di ottenere informazioni cruciali sulle  prime fasi di evoluzione delle galassie. In particolare il nostro

esperimento è dedicato alla ricerca della luce emessa dalla popolazione stellare e dal gas ionizzato

all'interno di tre galassie risalenti a soli 500-900 milioni di anni dopo il Big Bang. Queste

osservazioni  consentiranno di capire in maniera precisa come queste galassie si siano formate

quando".

"L'assegnazione di questo ambitissimo tempo di osservazione al nostro progetto - commenta il prof. Ferrara - è un

riconoscimento al lavoro che il Gruppo di Cosmologia sta svolgendo nell'ambito di una ERC Advanced Grant finanziata

dalla EU e che privilegia la stretta combinazione tra approcci teorici e sperimentali allo studio dell'Universo primordiale.

Ribadisce inoltre il ruolo leader della Scuola Normale nella ricerca scientifica a livello internazionale in un ambito

particolarmente competitivo".

De: https://normalenews.sns.it/origine-delle-galassie-la-nasa-seleziona-il-progetto-della-normale-per-il-primo-ciclo-di-osservazioni-del-telescopio-james-webb

Fotos: Google

 

Dalla magia alla biologia molecolare: il rapporto tra epilessia e tumori endocranici nella storia della medicina

Dalla magia alla biologia molecolare: il rapporto tra epilessia e tumori endocranici nella storia della medicina

La ricerca pubblicata sulla rivista Neuroscientist, a febbraio scorso: VERSIONE SPAGNOLA

"Diagnosi e cure delle malattie sono cambiate radicalmente nel corso dei secoli e millenni, un  A EPILEPSIA

percorso che spesso affonda nella magia sino alla moderna scienza medica. A raccontare questa

storia, a partire dal rapporto fra epilessia e tumori endocranici come caso studio, c'è una ricerca

dell'Università di Pisa appena pubblicata sulla rivista Neuroscientist.

L'articolo scritto dai professori Gianfranco Natale e Guido Bocci e dal dottor Federico Cucchiara

affronta infatti in una prospettiva storica critica, il legame tra convulsioni e neoplasie endocraniche.

La prima parte del lavoro riassume dunque la lunga storia dell'epilessia, una patologia descritta fin dai tempi più remoti soprattutto in chiave magico-religiosa, con riferimenti anche alla possessione demoniaca.

Ippocrate fu il primo a comprenderne la natura e a fornire un'interpretazione medica e ciononostante, per molto tempo ancora, l'epilessia rimase una malattia misteriosa e da guardare con sospetto.

Solo nel secolo dei Lumi cominciò a trovare la giusta attenzione scientifica: nel 1770, il medico svizzero Samuel-Auguste Tissot pubblicò il Traité de l'épilepsie, una pietra miliare dell'epilettologia. Ma è il XIX secolo l'epoca d'oro degli studi

sull'epilessia che proprio in questo periodo iniziò a essere posta in relazione con le neoplasie endocraniche.

La seconda parte dell'articolo si concentra quindi su questo aspetto. Nel 1882, il padre dell'epilettologia 

a tumorendocarneal

moderna, John Hughlings Jackson riportò il caso di un paziente affetto da tipiche crisi epilettiche

in presenza di un tumore endocranico.

Ma fu grazie a due medici scozzesi - John Gairdner e William Macewen - che si si capì meglio la

relazione fra le due patologie.

"Da queste osservazioni pionieristiche siamo arrivati oggi allo studio dei cambiamenti biochimici e

molecolari dei tumori cerebrali, ricerche che hanno aperto ipotesi di lavoro senza precedenti

sull'epilettogenesi – spiega Gianfranco Natale - Questo notevole progresso scientifico consente oggi di trattare in maniera

meno empirica e più appropriata queste patologie, con la chirurgia, i farmaci e le terapie fisiche".

Gianfranco Natale è direttore del Museo di Anatomia Umana "Filippo Civinini" e docente di Anatomia Umana presso

il Dipartimento di Ricerca Traslazionale e delle Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia. Con lui hanno collaborato allo

studio Federico Cucchiara, medico specializzando della scuola di Farmacologia e Tossicologia Clinica, e Guido Bocci,

docente di Farmacologia presso il Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale.  a brain

"Dalla passione per la storia della medicina e la ricerca scientifica in campo oncologico è nata l'idea

di un lavoro che ha ricostruito la lunga storia dell'epilessia e del suo legame, riconosciuto in tempi

più recenti, anche con la presenza di tumori endocranici – conclude Natale -.

La pubblicazione di questo articolo su Neuroscientist conferma la vocazione dell'Università di Pisa allo spirito di collaborazione fra le varie discipline: da un lato la ricerca storica, che trova naturale collocazione nel contesto museale, e le innovative ricerche nel campo della medicina"

De: https://www.unipi.it/index.php/news/item/20267-dalla-magia-alla-biologia-molecolare-il-rapporto-tra-epilessia-e-tumori-endocranici-nella-storia-della-medicina

Fotos: Google

:: Cipensoio ::, Powered by Joomla! Hosting by SiteGround