Developed in conjunction with Joomla extensions.

Ci Penso Io...!

COLABORAMOS

SITIOS AMIGOS

NOS APOYAN

Eventi

November 2020
M T W T F S S
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30

Counter

Today1
Month1478
All225174

Cerca


REGISTRO DE OBRAS

"Italiani emigrati all'estero": la mobilità intellettuale-economica...fuga dei cervelli, a cura di S.Gianfaldoni

Stavolta vi offriamo una pubblicazione fatte da sito de la UniPi: www.unipi.it e  la Versione Spagnola

"Il volume "Italiani emigrati all'estero. Progettualità, rotte, adattamento e rientro in patria", edito dalla Pisa University Press, raccoglie i risultati di una ricerca coordinata dal Centro Interdipartimentale per l'aggiornamento, la formazione e la ricerca educativa (CAFRE) dell'Università di Pisa.

Il progetto "ItE Italiani Emigrati all'estero", durato diciotto mesi, è stato ideato e coordinato  A italiani emigrati

da Serena Gianfaldoni, docente di Gestione delle risorse umane, sostenuta nella conduzione della

ricerca da un team multidisciplinare composto da oltre 170 persone fra esperti, docenti universitari

di numerosi atenei italiani, 50 manager e 50 studenti dell'Università di Pisa, la maggior parte dei

quali segue il corso di laurea in Ingegneria gestionale.

Il progetto ha previsto una fase di elaborazione statistica con la raccolta di 800 questionari e l'analisi di 34.000 dati, utili per offrire un quadro del migrante-tipo: i push factor che spingono ad emigrare; i pull factor che attraggono verso l'estero; le principali rotte; le problematiche nella fase di adeguamento; le strategie professionali; la rete di relazioni e il senso di appartenenza; i legami con la madre patria e l'eventuale rientro in Italia.

Nella fase di analisi qualitativa il fenomeno degli Italiani all'estero è stato invece analizzato nella sua complessità, con il

contributo di qualificati esperti, da una prospettiva demografica, storica, filosofica, letteraria, economica, sociale, formativa.

I risultati della ricerca ItE sono stati raccolti in un cospicuo testo (oltre 800 pagine) edito dalla Pisa University Press e stampato con i contributi offerti dall'Ateneo per progetti speciali per la didattica 2019-20.

Nel testo "Italiani emigrati all'estero. Progettualità, rotte, adattamento e rientro in patria" compaiono anche alcune preziose strategie elaborate concordemente da manager, dirigenti e studenti coinvolti nel progetto per sostenere il sistema paese, favorendo da una parte la mobilità e la brain circulation, ma al tempo stesso gestendo il fenomeno e mitigando la cosiddetta "fuga dei cervelli". Corredano il testo anche numerose storie di migrazione che testimoniano la persistenza e l'evoluzione di un fenomeno che continua a interessare numerosi Italiani talentuosi.

Secondo la coordinatrice Serena Gianfaldoni, "bisogna distinguere il fenomeno della mobilità che  A VION

spinge molti Italiani a cercare nuove strade, percorsi professionali e opportunità all'estero, da quello

che viene chiamato brain drain, fuga dei cervelli, legato a una dispersione dell'investimento

formativo.

Il nostro progetto di ricerca ha investigato per mesi, col supporto di qualificati esperti e l'analisi statistica un fenomeno chiaramente complesso. In riferimento alla migrazione giovanile, se da una parte si mostra necessario stimolare i giovani a viaggiare, provare esperienze internazionali, indispensabili per completare il percorso formativo, dall'altra parte è necessario però sostenere coloro che vorrebbero rimanere in Italia e fanno molta fatica a trovare una piena realizzazione.

Da quanto è emerso, il nostro sistema paese dovrebbe migliorare l'offerta lavorativa per i giovani Italiani, laureati o diplomati, non solo nelle aree umanistiche. Dai dati raccolti, i giovani che emigrano non sembrano scappare dall'Italia, dalla cultura italiana, dalla rete di relazioni amicali o familiari intessute.

Al contrario, risulta molto apprezzato lo stile di vita italiano. I nostri punti di forza però, non sembrano bastare. Dal campione che abbiamo esaminato viene troppo spesso lamentata la precarietà del lavoro, la difficoltà di fare carriera, uno scarso riconoscimento del valore e del talento, l'assenza di meritocrazia, una scarsa capacità attrattiva, una forma di immobilismo che ingessa l'Italia e il mercato del lavoro.

Al contrario, all'estero, gli emigrati italiani sembrano trovare spazio per realizzare compiutamente il proprio percorso professionale, pur dovendo affrontare evidenti problematiche e una fase di adattamento che, indubbiamente, forma a una mentalità globale.

Se risulta, infatti, che da una parte gli ambienti di lavoro all'estero risultano più stressanti e , A.studio Italia

competitivi, risulta anche che all'estero sia più facile vedere riconosciute le proprie abilità, fare

carriera, ottenere maggiori riconoscimenti economici e premi per giovani qualificati, oltre alla

possibilità di lavorare nel settore disciplinare per il quale sono stati dedicati gli anni e le energie del

periodo formativo.

In ogni caso emerge che i nostri giovani sono ben considerati dal punto di vista della formazione, altamente qualificati per le posizioni offerte, capaci di portare valore e farsi apprezzare in ambiti professionali competitivi".

Sul tema è intervenuto il professor Michele Lanzetta, direttore del CAFRE. "Il Progetto ItE - ha detto - mostra chiaramente l'urgenza di strategie coraggiose rivolte ai giovani e concordate fra università, aziende, istituzioni. Tra i punti di forza delle nostre iniziative è il coinvolgimento degli studenti nella progettazione, la formazione dei docenti e l'internazionalizzazione, strategie utili a migliorare il sistema paese".

Per maggiori informazioni e per guardare il video integrale della presentazione:
http://www-cafre.unipi.it/2020/10/convegno-italiani-emigrati-allestero.html

:: Cipensoio ::, Powered by Joomla! Hosting by SiteGround